“Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati” - Bertolt Brecht
HomeLettereIncendio a Pentimele, la denuncia di un cittadino: "Se bruciasse la Città.....Non...

Incendio a Pentimele, la denuncia di un cittadino: “Se bruciasse la Città…..Non è più solo una canzone ma la triste realtà”

Riceviamo e pubblichiamo:
Solo a Reggio Calabria poteva accadere, dove purtroppo la realtà supera sempre la fantasia! E così la splendida canzone di Ranieri diventa un vero e proprio incubo per gli abitanti di Santa Caterina e San Brunello, spettatori inermi di un incendio che da ieri pomeriggio ha praticamente distrutto tutto l’esistente della collina di Pentimele. Un rogo senza precedenti che ha lasciato in cenere vegetazione e chissà quanti poveri animali. Fortunatamente non vi è scappato il morto, ma è davvero pazzesco che gli interventi antincendi praticamente erano nulli a confronto di ciò che stava succedendo!!!
Mi chiedo se in una Città , addirittura così detta “Metropolitana”, non esiste un piano antincendi e/o comunque non si è minimamente in grado di intervenire subito ed efficacemente in una tale situazione? Per ore ieri pomeriggio leggo solo un elicottero andava su e giù a gettare qualche bidonata di acqua, che ovviamente nulla era in confronto al gigantesco rogo. Ma non ho visto nulla in quanto a Pompieri con autobotti che avrebbero dovuto subito cercare di creare una zona taglia fuoco soprattutto nella zone vicinissime alle abitazioni… Mi auguro che venga aperta un inchiesta per capire se è questo il modo di gestire una simile catastrofe , perché di questo si tratta, che solo per miracolo non ha causato vittime, anche se la distruzione di ettari di colline e macchia mediterranea è un prezzo altissimo e impagabile, che forse con un po’ più di attenzione e di programmazione da parte di chi sdo competenza si doveva e poteva evitare.
Renato Vitetta

Abitante di Santa Caterina-Pentimele

Articoli Correlati