“La verità è la nostra padrona, non noi i suoi padroni” - Mihai Eminescu
HomeFronte del palcoFronte del palco Reggio CalabriaConcerto del Neapolis Ensemble al Teatro Manfroce di Palmi

Concerto del Neapolis Ensemble al Teatro Manfroce di Palmi

Nuovo imperdibile appuntamento con la stagione musicale sabato 6 aprile alle ore 21,15 presso il teatro Manfroce di Palmi con il celebre Neapolis Ensemble composto da Maria Marone, voce, Mauro Squillante, mandolino e mandoloncello, Giuseppe Copia, chitarra classica e chitarra battente, Raffaele Filaci, batteria e percussioni, Valerio Mola, basso elettrico e Fabio Soriano, flauti e direzione musicale.

Il concerto è organizzato da AMA Calabria con il sostegno del Ministero della Cultura Direzione Generale dello Spettacolo, dell’Assessorato Regionale alla Cultura e della città metropolitana di Reggio Calabria.
Dalla sua fondazione il Neapolis Ensemble ha suonato in ambiti prestigiosi di una quindicina di paesi, tracui ricordiamo il Festival d’Ile-de-de France, il Festival de Saint-Chartier, il Festival International de Musique de Besançon, il Teatro dell’Opera di Lilla, il Teatro dell’Opera di Lione, il Teatro Louis Jouvet di Parigi, i Teatri Nazionali di Narbonne, La Rochelle, di Saint-Quentin-en-Yvelines, Aubusson, La Roche sur Yon, Quimper e Forbach (Francia), il Monastero di Montserrat (Spagna), la Filarmonica di Colonia, il Radialsystem V di Berlino, al Musikfestspiele Potsdam Sanssouci (Germania), il Festival delle Fiandre di Bruges (Belgio), il FolkClub di Torino, le Settimane Musicali di Merano (Italia), il Teatro Coliseo di Buenos Aires (Argentina), il Teatro Oriente di Santiago (Cile), il Centro Cultural Universitario di Città del Messico (Messico), il Ballroom Radisson di Montevideo (Uruguay), al Festival dei Palazzi di San Pietroburgo e la Dom Muziki di Mosca (Russia), la Muziekgebouw di Amsterdam (Olanda), la Eesti Concert Hall di Tallinn (Estonia). Di grande successo i cd Napoli, un ambizioso lavoro sulla storia della capitale del sud, rappresentata attraverso undici brani che vanno dal 1200 al 1977, Palummella, caratterizzato da una ricerca ed esplorazione dei valori autentici dei repertori tradizionali napoletani, 77 – Ritmo e magia nella tradizione musicale napoletana incentrato sulla figura della donna e sulla cabala napoletana in cui il numero 77 corrisponde alle figure dei diavoli.

Il programma Festa Napoletana, come il titolo stesso lo indica, è un viaggio nelle grandi tradizioni della musica tradizionale della Campania, in alcuni casi riviste dal grande etnomusicologo Roberto De Simone. Tarantelle, tammurriate e brani dal ritmo vertiginosi coinvolgono il pubblico in un rito festoso e liberatorio, dove decine di strumenti a fiato, a percussioni e a corde cambiano costantemente il colore e le timbriche di ciascun brano.
Il programma è stato particolarmente apprezzato al Festival di Reims (18.000 spettatori), al Festival di Schwetzingen e al Festival di Besançon (6.000 spettatori), al Festival di Dornbirn (5.000 spettatori), al Carnevale di Palma Campania (per un pubblico di oltre 8.000 spettatori) e a tanti altri raduni internazionali di musica etnica e popolare.

Articoli Correlati