“Ho imparato così tanto da voi, Uomini... Ho imparato che ognuno vuole vivere sulla cima della montagna, senza sapere che la vera felicità sta nel come questa montagna è stata scalata” - Gabriel Garcia Marquez
HomeCalabriaVibo ValentiaTropea (VV), una scultura al posto di un edificio abbandonato in via...

Tropea (VV), una scultura al posto di un edificio abbandonato in via Carlo V: ok al progetto preliminare

Via l’edificio fatiscente e in stato di abbandono da via Carlo V; al suo posto sarà installata una scultura alta quasi tre metri e mezzo. È stato approvato il progetto preliminare per la riqualificazione dell’area adiacente a Piazza Vittorio Veneto, cuore del salotto diffuso di Tropea.

 

“Rispondere ad eventuali situazioni di degrado urbano con la bellezza dell’arte e restituendo valore al patrimonio architettonico della città – sottolinea il Sindaco Giovanni Macrì – continua ad essere una delle priorità dell’Esecutivo”.

 

Interamente finanziato per 300 mila euro con risorse comunali dei bilanci 2023 e 2024, gli interventi, oltre a garantire una rinnovata estetica dell’area, riguarderanno anche la sostituzione completa della rete di sotto servizi, compresa la sezionatura e il rinnovo dell’impianto idrico.

 

ASTRA – MONUMENTO MEDITERRANEO. È questo il nome della scultura in pietra lavica che sarà installata in via Carlo V. Realizzata dal rinomato studio di arte e design FORMAPENSIERO – Laruffa Rovere Architetti l’opera si è classificata al secondo posto del prestigioso concorso di design al Materia Design Festival di Tropea nel 2023. Essa incarna il cielo stellato in una forma contemporanea, diventando un simbolo tangibile della città di Tropea e della sua identità mediterranea.

 

Destinata ad essere nuovo elemento attrattivo all’interno del perimetro del Principato, l’opera si propone come strumento di promozione turistica. I suoi fruitori, cittadini temporanei e residenti, condividendo sui social l’esperienza artistica e culturale la faranno conoscere all’esterno.

 

Astra – Monumento Mediterraneo si distingue per la sua capacità di fondere elementi naturali, architettonici e contestuali, prendendo ispirazione dalla stratificazione geologica del territorio, dalle forme architettoniche locali e dalle tradizioni costruttive medievali e ottocentesche.

Articoli Correlati