“L'accondiscendenza partorisce amici, la verità odio” - Marco Tullio Cicerone
HomeAgoràAgorà CrotoneGdF Crotone: celebrata la festa di San Matteo, patrono del Corpo

GdF Crotone: celebrata la festa di San Matteo, patrono del Corpo

Questa mattina, nella Chiesa dell’Immacolata di Crotone, l’Arcivescovo di Crotone e Santa Severina, S.E. Mons. Angelo Raffaele Panzetta ha celebrato una Santa Messa in occasione della ricorrenza di San Matteo, Apostolo ed evangelista, Patrono della Guardia di Finanza.

Alla presenza di Autorità civili e militari locali, di numerosi finanzieri in servizio e in congedo, l’Arcivescovo ha illustrato, durante l’omelia, la conversione di Matteo, “il pubblicano” esattore delle imposte che, rispondendo alla chiamata di Cristo, non ha esitato ad abbandonare tutto per seguirlo.

Il Comandante Provinciale, Col. Davide Masucci, nel ringraziare S.E. Mons. Angelo Raffaele Panzetta, ha voluto sottolineare come l’evento rappresenti per gli appartenenti al Corpo un momento ricco di positive suggestioni, ovvero, un appuntamento per riflettere sull’agire quotidiano, sull’impegno incondizionato di tutti, nessuno escluso, rivolgendo a tutti i Finanzieri e alle loro famiglie il suo apprezzamento per l’impegno e dedizione
dimostrati, che contribuiscono quotidianamente ad accrescere il prestigio del Corpo attraverso la vicinanza ai cittadini onesti e rispettosi delle regole.

La vicenda umana di Matteo, detto anche Levi, è conosciuta grazie alla narrazione evangelica che sottolinea il passaggio dal banco delle imposte alla sequela di Gesù, il Maestro, che lo aveva chiamato dicendogli: “Vieni e seguimi”.

San Matteo è stato riconosciuto patrono del Corpo con un documento del 10 aprile 1934, a firma del cardinale Eugenio Pacelli (il futuro Papa Pio XII), in accoglimento dell’istanza avanzata dal Comandante Generale e sostenuta dall’Ordinario Militare del tempo.

Il documento papale auspica che tutti gli appartenenti alla Guardia di Finanza possano, sull’esempio di San Matteo, unire l’esercizio fedele del dovere verso lo Stato con la fedele sequela di Cristo.

Articoli Correlati