“Ma è meglio poi, un giorno solo da ricordare che ricadere in una nuova realtà sempre identica” (Francesco Guccini, Scirocco -
HomeAgoràAgorà Catanzaro"Quale Europa", a Catanzaro la presentazione del libro di Fabrizio Barca ed...

“Quale Europa”, a Catanzaro la presentazione del libro di Fabrizio Barca ed Elena Granaglia

Prende il via da Catanzaro – domani alle 18 nella Casa delle Culture in piazza Prefettura – il “tour” che il Forum Disuguaglianze e Diversità ha promosso in occasione della pubblicazione del libro “Quale Europa”, Donzelli Editore, che costituisce un’occasione per riflettere sul peso e il significato del voto per il rinnovo del Parlamento Europeo.

Ad ospitare e promuovere l’iniziativa è il Circolo Placanica: la presentazione, infatti, sarà introdotta e moderata dal presidente Venturino Lazzaro.

Tra il 6 e il 9 giugno in tutta Europa le urne saranno aperte per eleggere il nuovo Parlamento europeo. I partiti scaldano i motori: scelgono nomi, avanzano candidature, pensano tattiche. E i programmi? Il vento del nazionalismo e la diffusa resistenza a credere e battersi per una vera alternativa in quasi tutti i paesi membri rischiano di condurre a proposte di scarso respiro, timide nell’affrontare le sfide della doppia transizione, digitale e ambientale; ambigue, al meglio, nei confronti dei migranti; inadeguate a contrastare il nuovo disordine mondiale, le guerre e anche le tante ingiustizie ereditate. Di fronte a questo scenario il Forum Disuguaglianze e Diversità ha deciso con questo volume di scendere in campo. Non è una discesa nell’arena elettorale. È l’offerta di alcuni tratti dell’Unione europea che servirebbe alla giustizia sociale e ambientale, un contributo informativo e di confronto, un metro per giudicare – prima e dopo le elezioni – programmi, partiti, candidature ed eletti, una bussola per il monitoraggio civico delle azioni che l’Unione realizzerà nella prossima legislatura. L’Unione auspicata in questo libro è un luogo di promozione del welfare universale, non penalizzato dall’austerità; dove la conoscenza e i dati siano accessibili e a disposizione delle comunità; dove la trasformazione ecologica sia accelerata nell’interesse prima di tutto dei più vulnerabili per realizzare un modo più giusto di vita e di lavoro e dove politiche pubbliche e governo siano democratizzati. Un’Europa che prenda consapevolezza del proprio ruolo fondamentale nei processi migratori e che agisca come costruttore di cooperazione e pace.

Ne discuteremo con l’editore Carmine Donzelli, e accanto a lui nell’illustrare i contenuti di questa densa pubblicazione sarà Elena Granaglia, curatrice del libro e Docente di Scienze delle Finanze, e Fabrizio Barca, già Ministro per la Coesione territoriale nel Governo Monti e Co-coordinatore del Forum DD.

Articoli Correlati