“Ma è meglio poi, un giorno solo da ricordare che ricadere in una nuova realtà sempre identica” (Francesco Guccini, Scirocco -
HomeCalabriaCatanzaroConcorso esterno in associazione mafiosa, condannato ex vicepresidente del consiglio comunale di...

Concorso esterno in associazione mafiosa, condannato ex vicepresidente del consiglio comunale di Lamezia Terme

La Corte d’appello di Catanzaro ha condannato a quattro anni e sette mesi di reclusione l’ex vicepresidente del consiglio comunale di Lamezia Terme, Giuseppe Paladino.

L’accusa è quella di concorso esterno in associazione mafiosa poiché l’ex politico – secondo la Dda di Catanzaro che ha dato vita all’indagine Crisalide nell’ambito della quale è stato incriminato – avrebbe fornito un “concreto, specifico consapevole e volontario contributo” di natura materiale e morale alla cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri.

Il concorso esterno è contestato in concorso col padre Giovanni Paladino, medico e anche lui già consigliere comunale in anni precedenti a quelli del figlio. Per quest’ultimo, il 29 settembre 2022 la Corte di Cassazione ha confermato la condanna a quattro anni di reclusione. Per Giuseppe Paladino l’iter processuale è stato differente poiché in primo grado era stato condannato a sei anni di reclusione.

Nel primo processo d’appello, il 16 dicembre 2021 la Corte lo aveva assolto. In seguito, a febbraio 2023, la Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza ed il processo è tornato in Corte d’appello dove, oggi, si è espresso un nuovo collegio. Paladino è stato interdetto dai pubblici uffici per la durata di cinque anni. Confermate le statuizioni per le parti civili: l’Associazione antiracket lametina, rappresentata dall’avvocato Carlo Carere, e il Comune di Lamezia Terme, rappresentato dall’avvocato Caterina Restuccia. La Corte si è anche espressa sulla posizione di Francesca Antonia De Biase, difesa dall’avvocato Aldo Ferraro, dichiarando il non diversi procedere riguardo allo spaccio di marijuana che le veniva contestato perché l’azione penale è stata già esercitata in un altro processo. Gli atti sono stati trasmessi al pubblico ministero di Lamezia Terme.

Articoli Correlati