“Gli eserciti cessano di avanzare perchè le persone hanno le orecchie e i pastori e i soldati giacciono sotto le stelle scambiandosi opinioni” - Patti Smith – “People have the power”
HomeCalcioReggina, Inzaghi si presenta: "Chiedo pazienza, Saladini è venuto a Formentera per...

Reggina, Inzaghi si presenta: “Chiedo pazienza, Saladini è venuto a Formentera per convincermi”

Abbastanza tiepido il primo confronto con la stampa per Pippo Inzaghi, nuovo allenatore della Reggina al lavoro in buona sostanza da poche ore. Il tempo di spiegare che la preparazione proseguirà al Sant’Agata, e che le prime due gare di campionato si disputeranno fuori casa causa manto erboso fatiscente al “Granillo”. Di seguito le dichiarazioni salienti della conferenza tenuta proprio allo stadio, col mister introdotto dal patron Felice Saladini e dal presidente Marcello Cardona.

“Ringrazio Saladini e Cardona, sono orgoglioso di essere qui oggi. Quando ho accettato, sapevo da dove saremmo dovuti partire – ha esordito Inzaghi davanti ai giornalisti – Ci rimboccheremo le maniche, con una proprietà ed un tifo del genere. Ho preso qualche mazzata, era difficile ripartire essendo deluso umanamente. Ho trovato un presidente che ha fatto qualcosa di straordinario. Fossi stato io, mi sarei mandato a quel paese. Non potevo rinunciare ad un trasporto del genere. Dovremo scontrarci con una realtà difficile. Chiedo alla gente di avere pazienza. Servono componenti che viaggiano in un’unica direzione”.

Inzaghi spiega come è stato convinto da Saladini, volato da lui a Formentera: “Stavo bene dopo un nano difficile. Se questa società non avesse fatto tutto quello che ha messo in atto, oggi non sarei qui. Non è più come due anni, adesso non adnrei a piedi ovunque. Ho preso delle bastonate. Come allenatore posso essere esonerato, ma meritiamo di essere rispettati. Volevo una proprietà che mi concedesse la possibilità di lavorare serenamente. Il blitz a Formentera ha completato il cerchio”.

Il nuovo mister amaranto parla anche di calciomercato: “Cercherò di capire chi può far parte del progetto. Non ci facciamo prendere per la gola da nessuno. Adesso i giocatori sanno cosa troveranno a Reggio. Mi fido del dg Martino e del ds Taibi, servono giocatori funzionali. Se arriva qualche giocatore che ho già allenato in passato, sono contento. Già oggi si sono allenati tutti con voglia”.

Poi su Menez: “Sono contento di averlo rivisto. Lui, come tutti gli altri, dovrà guadagnarsi la conferma a Reggio. Dovremo diventare in fretta una squadra, non possiamo dipendere dal singolo. Affrontiamo quattordici squadre con l’obiettivo di andare in Serie A”.

Inzaghi ha annunciato i nomi dei suoi collaboratori D’Angelo, Alimonta, Cuminetti e Baggio. Non è ancora ufficiale, ma il nuovo team manager dovrebbe essere Giusva Branca.

p.f.

Articoli Correlati