“Ho imparato così tanto da voi, Uomini... Ho imparato che ognuno vuole vivere sulla cima della montagna, senza sapere che la vera felicità sta nel come questa montagna è stata scalata” - Gabriel Garcia Marquez
HomeFronte del palcoFronte del palco CosenzaFrascineto (CS) "conserva" la lingua Arbëresh attraverso il teatro

Frascineto (CS) “conserva” la lingua Arbëresh attraverso il teatro

La prossima Domenica 4 Giugno, nell’Auditorium “A.Croccia” di Frascineto, l’associazione culturale Vorea porterà in scena l’opera scritta da Vincenzo Bruno Një unàzë per nusen (Un anello per la sposa). Non è una semplice rappresentazione teatrale ma uno degli strumenti di promozione culturale, identitaria e memoriale che l’Amministrazione comunale di Frascineto, guidata dal sindaco Angelo Catapano, ha scelto per trasmettere e conservare la tradizione della lingua dei padri, il dialetto Arbëresh.

Il primo spettacolo ha già registrato sold-out ma ci saranno altre e tante occasioni per ritrovarsi in platea, sotto la ribalta dell’auditorium frascinetese per assistere alla rappresentazione teatro. La prossima, il 27 giugno.

L’essenza di questi eventi – come ha tenuto a sottolineare lo stesso Sindaco Catapano – sta nel valore intrinseco che essi esprimono. «Per noi – dice il Primo cittadino – è essenziale portare avanti il patrimonio immateriale della trasmissione orale e scritta. Che non è vernacolo ma la lingua dei nostri antenati. Per questo ringrazio l’associazione Vorea per esserci cimentata nell’opera di Vincenzo Bruno ma soprattutto per aver raccolto il testimone del lavoro certosino fatto dall’istituto comprensivo “Ernest Koliqi” e della docente Emilia Blaiotta, che nel raccogliere a pieno i dettami della legge 482/1999 sulla tutela delle minoranza linguistiche ha compiuto, a nostro avviso, la più grande delle operazioni di salvaguardia dell’identità: trasmettere ai giovani frascinetesi l’idioma italo-albanese, non solo come forma verbale ma anche scritta».

Giovani e meno giovani sono il mix perfetto amalgamato dal presidente dell’associazione culturale Vorea, Martino Lucietta, nell’opera teatrale Një unàzë per nusen. Grazie alla quale sono stati coniugati insieme valori come la socialità, la cultura e la tutela delle origini con un unico comune denominatore: il piacere di sentirsi parte di un’unica comunità al passo con i tempi ma con le radici profondamente ancorate nel suo passato.

Articoli Correlati