“Persino il più lieve bisbiglio può essere sentito al di sopra degli eserciti, quando dice la verità” - Dal film The Interpreter
HomeCelluloideCelluloide CosenzaLe riprese del docufilm "Menorah Esodo 25" al campo di concentramento Ferramonti...

Le riprese del docufilm “Menorah Esodo 25” al campo di concentramento Ferramonti di Tarsia

Storia, cultura e cinema. Intrecci calabresi e luoghi da raccontare.
Continuano le riprese del docufilm “Menorah Esodo 25” scritto e diretto da Gianfranco Confessore e prodotto da “Visualia- Produzioni Cinematografiche, il cui presidente è Attilio Russo e “Tempi Moderni European Film Association” del presidente Ermanno Reda, con il contributo fondamentale della Calabria Film Commission, a supporto del progetto.
Nei giorni scorsi nuova tappa e nuove riprese: la location del ciak è stata il Campo di Concentramento Ferramonti di Tarsia, che fu il più grande realizzato dal regime fascista in Italia. Il campo era destinato alla reclusione di Ebrei provenienti da tutta Europa, “occupato” da quasi 2200 persone.

Attori e produzione hanno lavorato intensamente alle scene del docufilm, immersi tra i racconti e le storie del campo di concentramento. Reda e Confessore, insieme ad Alberto Celestino, aiuto alla regia e Pierandrea Dotto, direttore alle camere, hanno “accompagnato” gli attori nel prosieguo delle scene, in un clima straordinariamente reale.
Gli attori sul set a Ferramonti sono stati Cristina Raffaele, Andrea Marozzo e Donato Buccieri. Un cameo anche per il regista.

Costumi originali realizzati da Valentino de Rose, auto d’epoca fornite da Victor autonoleggio, gioielli originali disegnati e realizzati da Gerardo Sacco, makeup Moema Academy di Giada Falcone. Prossime riprese, prima del “gran finale” previsto nella città vecchia a Cosenza, saranno realizzate a Reggio Calabria e Bova.

Articoli Correlati