“Se vuoi descrivere ciò che è vero, lascia l’eleganza al sarto” - Albert Einstein
HomeCalcioUnicusano vs Unicufissa 1-0

Unicusano vs Unicufissa 1-0

di Paolo Ficara – Il sospetto lo abbiamo coltivato dal primo istante. A fine novembre, l’ex osservatore territoriale dell’Empoli – durante una conferenza che aveva rappresentato un climax di inesattezze, provocazioni ed urla – forniva cinque giorni di tempo agli eventuali interessati per rilevare La Fenice Amaranto, formazione militante in Serie D. Non potendo non sapere che i riflettori si sarebbero puntati sul suo competitor estivo, ossia Stefano Bandecchi. Che infatti, quel giorno, eravamo andati puntualmente ad intervistare.

Ben sapendo che nessun imprenditore serio avrebbe potuto accogliere ultimatum così stringenti.

Senza urlare né scomporsi, lo stesso Bandecchi ha messo a disposizione – “sempre se la vuole”, ipse dixit – una sponsorizzazione di 100.000 euro sull’unghia ed a metà stagione, da parte della propria università, verso l’attuale club calcistico reggino. Senza nemmeno citarne il nome, sul palco del “Cilea” sabato scorso, della propria università. Quindi, con un certo stile. Ci siamo fatti l’idea che rappresentasse la risposta a quella provocazione novembrina.

Riteniamo che la cifra non sia stata sparata a caso. Se avesse voluto prendersi l’applauso del teatro, il sindaco di Terni avrebbe anche potuto prometterne la metà. La cifra di 100.000 euro è difficilmente replicabile in Serie D, peraltro a metà stagione, come sponsor. A pensarci, si tratta del 25% della somma spesa a fondo perduto per il titolo sportivo. Non sappiamo a quanto ammonti l’esatta entità dello sponsor di maglia de La Fenice Amaranto. Anche in questo caso, il fondato sospetto è che Bandecchi ne conosca l’ammontare meglio di noi.

Bollare come “impossibile”, da parte de La Fenice Amaranto, la sponsorizzazione di UniCusano in quanto incompatibile con quella di un’altra università telematica già presente sulle maglie, teoricamente può anche starci. Emettere un comunicato in proposito, forse nel tentativo di uscirne a testa alta e petto gonfio, ai nostri occhi risulta più una scossa di auto-ridicolizzazione pari al quinto grado della scala Iiriti.

A proposito, piccolo inciso. Da novembre scorso, ci avete inviato solo i comunicati stampa circa l’acquisizione di Renelus, oltre a quello di ieri in cui declinavate la proposta di UniCusano. Ci dispiace, non abbiamo avuto tempo e forse nemmeno voglia di pubblicarlo. Siamo una testata seria. Se avete piacere a mandarceli tutti, i comunicati, li riceviamo. Altrimenti, non stiamo ai vostri comodi. Vi abbiamo rispettato pure troppo, passandovi per due mesi i comunicati in cui vi presentavate come LFA Reggio Calabria. Se non lo sapete, potete digitare www.figc.it, poi cliccate su “Federazione”, poi su “Trasparenza”, andate dove dice “Affiliazioni e revoche” e scoprirete come vi chiamate. Il tutto è alla portata anche di un bambino di 9 anni.

Tornando alla tarantella di cui sopra. Se una cifra di 100.000 euro era irricevibile come sponsor causa accordi pregressi, si poteva e si doveva cogliere la palla al balzo per sedersi al tavolo con Bandecchi. In silenzio. Ed offrire perlomeno una valutazione onesta, circa la percentuale per un suo eventuale ingresso in società. Sarebbe stata un’occasione per iniziare a posare il fardello. Nessuno vi caccia. Ma chi si vanta di essere un “portatore di risorse”, oltre a snocciolare un curriculum calcistico che abbiamo facilmente smentito grazie a Fabrizio Lucchesi, pensa davvero di poter andare avanti all’infinito alla stregua della stagione attuale?

A noi non sarebbe cambiato nulla. Senza identità siamo, almeno fino al termine della stagione, e senza identità saremmo rimasti anche con Bandecchi per lo stesso lasso di tempo. Il Trapani è primo e li probabilmente vi rimarrà. Ci dispiace solo che le polemiche extra-campo delle ultime settimane, siano tornate utili per distrarre la vostra tifoseria dall’ennesima sessione di calciomercato senza un bomber che sia uno. Chissà quanto costa, in Serie D, un bomber.

Leggi anche: I cinque giorni di Ballarino

La risposta di Bandecchi del 28 novembre 2023

La sponsorizzazione offerta dal palco del teatro “Francesco Cilea”

Articoli Correlati