“Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo. È la qualità più bella di un rivoluzionario” - Ernesto “Che” Guevara
HomeItalia"Nessuna pietra tombale sul Ponte dopo osservazioni Mase". Le 'rassicurazioni' di Ciucci...

“Nessuna pietra tombale sul Ponte dopo osservazioni Mase”. Le ‘rassicurazioni’ di Ciucci che sposta l’apertura dei cantieri un po’ più in là: “Attività partiranno nel 2025”

Sul Ponte di Messina “non c’è nessuna pietra tombale, nessuno stop, anzi abbiamo fatto due passi avanti”. Lo assicura l’a.d della società Stretto di Messina, Pietro Ciucci, parlando a Radio24 e spiegando così le richieste arrivate ieri dal ministero dell’Ambiente: “Stiamo percorrendo due percorsi in parallelo: la valutazione di impatto ambientale e la Conferenza dei servizi. Ieri c’è stato il primo incontro in conferenza dei servizi. La valutazione di impatto ambientale è partita ancora prima e, come previsto dalla legge, il Mase, la commissione Via, hanno presentato le loro richieste di approfondimento. Sono oltre 200, sono in valore assoluto numerose, ma a fronte di un progetto che vale 13,5 miliardi, che prevede il ponte sospeso più lungo al mondo e che opera su 13 siti ambientali protetti. Abbiamo presentato oltre 10.000 elaborati e quindi, a fronte di tutto questo, mi sembra un numero congruo. Pensi se invece non ci fosse stato alcun commento o alcuna richiesta”.

Ciucci smentisce le indiscrezioni a proposito di una telefonata tra lui e il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini per lamentarsi della mossa dell’Ambiente: “É un virgolettato di una telefonata che non c’è mai stata. Non ci siamo sentiti al telefono e non ho detto quella cosa, anche se genericamente è un commento che a volte si fa. E’ un’osservazione banale ma non l’ho fatta al ministro ieri”, insiste l’a.d fornendo poi la tempistica dei prossimi passi.

“Contiamo entro la fine dell’estate, che finisce a settembre, di avere l’approvazione del Cipess”, afferma. Le prime attività “partiranno entro la fine del 2024. Se per cantiere intendiamo le escavatrici” si parla invece del 2025.

Articoli Correlati