“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeCalabriaCosenzaIl capogruppo di Franz Caruso Sindaco, Ivan Commodaro, a Strazzulli: "Un viaggiatore...

Il capogruppo di Franz Caruso Sindaco, Ivan Commodaro, a Strazzulli: “Un viaggiatore del tempo incastrato nel passato”

“Sergio Strazzulli, il ritorno. Un ritorno più confuso e stordito del solito, tanto che penso abbia viaggiato attraverso il tempo rimanendo bloccato tra il 2018 ed il 2020 perdendosi la rivoluzione che il sindaco Franz Caruso sta operando da circa due anni e mezzo”. E’quanto afferma il capogruppo della lista Franz Caruso sindaco. Ivan Commodaro, rispondendo alla stravagante dichiarazione del coordinatore cittadino di Fratelli D’Italia pubblicate nei giorni scorsi da alcuni organi d’informazione.
“Un simpatico giocherellone Sergio Strazzulli – prosegue Ivan Commodaro – che si muove in uno spazio a tre dimensioni, ma in una disposizione temporale statica del decennio passato. Arriva, pertanto a contestare oggi ciò che avrebbe dovuto denunciare ieri, quando ad amministrare c’erano i suoi compagni di partito e coalizione. Un pò come avviene per alcuni fantastici quattro  disorientati democratici. Tutti soggetti appartenenti a ideologie diverse, ma accomunati dalla medesima stravagante, ma subdola, illogicità. Ce ne facciamo una ragione e, anzi, nel leggerli sorridiamo anche, proseguendo, però, senza farci distrarre, nel cammino per la rinascita di Cosenza accanto al sindaco Franz Caruso, che è spedito ed inarrestabile. D’altro canto dalla nostra abbiamo i fatti che parlano un linguaggio chiaro perché concreto e reale. Noi non siamo l’apparenza ed il fugace, noi siamo sostanza e mi basta fare due esempi: l’Unical nel nostro centro storico con il  corso di laurea in scienze infermieristiche ed i 21 milioni e mezzo di euro per la riqualificazione di quartieri degradati e per progetti tendenti all’inclusione sociale ottenuti attraverso il PNRR in Calabria, in una performance straordinaria decantata dallo stesso Governatore Occhiuto”.
“Agli stravaganti viaggiatori del tempo, pertanto – conclude Ivan Commodaro – rivolgo un augurio schietto e sentito: rimanete li dove siete. Nessuno avverte la vostra assenza”.
Articoli Correlati