“L'arte di non sapere, che non dev'essere confusa con l'ignoranza, perchè gli ignoranti non sono responsabili della loro triste condizione, nasce da un'idea autolatra ed egocentrica del mondo e della società” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaCosenza"Turismo delle Radici", il Comune di Campana aderisce a due progetti

“Turismo delle Radici”, il Comune di Campana aderisce a due progetti

Il Bando “Turismo delle Radici”, indetto dal Ministero degli Affari Esteri e finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del PNRR, è un bando che raccoglie proposte progettuali finalizzate a sensibilizzare le comunità locali sul tema dell’emigrazione italiana e dei viaggi delle radici per creare sui territori un’offerta turistica mirata, favorire la nascita di nuove figure professionali specializzate nella progettazione di servizi, promuovere lo sviluppo delle aree interne e creare nuove opportunità di lavoro. Le proposte, presentate da Gruppi organizzati, dovranno inoltre prevedere, fra le tante cose, una struttura adeguata a creare un’offerta turistica mirata sui viaggiatori delle radici, una formazione e la creazione di laboratori in collaborazione con le amministrazioni comunali partner che siano in posizione geograficamente strategica rispetto al territorio di riferimento. In questo contesto il Comune di Campana è stato contattato dal Gruppo RIZES e dal Gruppo RADICI CALABRESI, e la Giunta Comunale ha deciso di aderire ad entrambe le proposte di partenariato.

“Siamo terra di emigrazione da sempre – ha commentato il Sindaco Agostino Chiarello – e quindi è stato facile per noi valutare positivamente ed aderire a questo Bando attraverso le due proposte progettuali che ci sono state presentate. Quello del Turismo delle Radici è un settore nuovo ma in forte crescita che ci permetterebbe di trasformare una dolorosa storia quale è quella della massiccia emigrazione della nostra gente in un attrattore che, se ben gestito e indirizzato, potrebbe creare grandi opportunità di sviluppo e diventare argine alla fuga dei nostri giovani che continuano a spostarsi in altre zone d’Italia e d’Europa alla ricerca di nuove opportunità”.

Articoli Correlati