“La verità non muore mai” - Seneca
HomeCalabriaCatanzaroGdF Catanzaro: esecuzione ordinanza applicativa di una misura cautelare in carcere

GdF Catanzaro: esecuzione ordinanza applicativa di una misura cautelare in carcere

PREMESSO che i provvedimenti adottati in fase investigativa e/o
dibattimentale non implicano alcuna responsabilità dei soggetti sottoposti
ad indagini ovvero imputati e che le informazioni sul procedimento penale
in corso sono fornite in modo da chiarire la fase in cui il procedimento
pende e da assicurare, in ogni caso, il diritto della persona sottoposta ad
indagini e dell’imputato a non essere indicati come colpevoli fino a
quando la colpevolezza non è stata accertata con sentenza o decreto penale
di condanna irrevocabili.
I finanzieri del Comando Provinciale di Catanzaro hanno dato esecuzione ad
un’ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere emessa dal Tribunale –
Ufficio GIP/GUP- di Lamezia Terme su conforme richiesta della Procura della
Repubblica alla sede nei confronti di un soggetto gravemente indiziato di essere
dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti.
Il provvedimento giudiziario costituisce l’epilogo di complesse indagini di
polizia giudiziaria svolte dal Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia
Terme tra il mese di ottobre 2022 ed il mese di giugno del 2023.
Le attività investigative ebbero origine a seguito di una segnalazione pervenuta
alla Guardia di Finanza, inviata dal Servicio de Vigilancia Aduanera spagnolo,
che aveva informato di aver sequestrato, in data 18.02.2022, un pacco destinato
in Italia rinvenuto il giorno precedente dal personale di sicurezza di una ditta di
trasporti di Coslada (Madrid), contenente tre chilogrammi di sostanze
stupefacenti (cocaina, hashish e MDMA (metilenediossimetamfetamina,
comunemente detta ecstasy).
I riferimenti di mittente e destinatario, tuttavia, non consentivano di individuare
immediatamente i soggetti interessati dalla spedizione, ma i finanzieri sono
comunque riusciti ad individuare nel destinatario dell’ordinanza il mittente e nel
di lui figlio colui il quale avrebbe dovuto ricevere il pacco.
Sono state quindi avviate le opportune indagini sotto il coordinamento del
Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, dalle quali è emerso che il
soggetto tratto in arresto si riforniva stabilmente di droga dalla Spagna e nel
dicembre del 2022 le fiamme gialle, dopo aver monitorato un suo viaggio a
Madrid, al suo rientro lo sorprendevano con oltre un chilogrammo di marijuana.
Nell’ambito dello stesso procedimento penale sono altresì indagati altri due
soggetti per il reato di spaccio e tre persone, acquirenti di stupefacenti presso la
persona sottoposta a misura cautelare, per favoreggiamento personale, in quanto
queste ultime, chiamate dalla Guardia di Finanza a riferire sui loro rapporti con
il presunto pusher, si rifiutavano di rispondere alle domande, aiutando in tal
modo gli indagati ad eludere le indagini svolte nei loro confronti.
Nel corso delle attività investigative, tra la Spagna e l’Italia sono stati
sequestrati complessivi kg. 2,553 di marijuana, gr. 71 di cocaina, gr. 16,00 di
hashish, pasticche di “ecstasy” per circa gr. 30.
Il sopracitato servizio rientra tra le attività di controllo economico-finanziario
del territorio orientate al contrasto degli illeciti in materia di sostanze
stupefacenti.
Il relativo procedimento pende nella fase delle indagini preliminari.

Articoli Correlati