“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeCalabriaCatanzaroI sindacati della Polizia di Stato: “Giù le mani dal Reparto Prevenzione...

I sindacati della Polizia di Stato: “Giù le mani dal Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia, no allo spostamento a Catanzaro”

“Ci dispiace dissentire da quanto espresso dai Consiglieri comunali di Catanzaro (Donato – Parisi – Veraldi), ma il Reparto Prevenzione Crimine è patrimonio di Vibo Valentia e del suo territorio”. 

Lo affermano i segretari provinciali di tutti sindacati della Polizia di Stato: Siulp (Franco CASO), Sap (Francesco FRANZA), Siap (Domenico PALERMO), Federazione Coisp (Rocco D’AGOSTINO), FSP Polizia di Stato (Roberto BUCCA) e Silp-Cgil (Felice APA).

La nota dei sindacalisti pone al centro la questione di un ipotetico spostamento del Reparto Prevenzione Crimine da Vibo a Catanzaro.

“Spostare il Reparto Prevenzione Crimine di 70km a Nord-Est, in una città che non vanta sicuramente di un’autostrada vicina e farlo per ‘far riconquistare alla città la centralità perduta’ sarebbe un grosso errore. E poi, – continuano i Segretari Provinciali – è opportuno rammentare che, lo spostamento del Reparto Prevenzione Crimine, avvenuto nel luglio 2013 dalla sede di Rosarno a quella di Vibo Valentia, fu motivato dal Dipartimento della P.S. per ‘indubbi vantaggi in termini di resa operativa e di economia di esercizio’; premesso ciò, si auspica che a distanza di 10 anni non si voglia rinunciare a questi vantaggi ormai consolidati sul territorio in termini di sicurezza.

“Inoltre, sarebbe paradossale chiudere, in una provincia di frontiera e di lotta alla criminalità qual è quella di Vibo Valentia, dove ancora ‘si aspetta’ l’apertura del Commissariato di Tropea, un Ufficio di Polizia.

Per tali motivi – aggiungono i sindacalisti- si fa appello, ancora una volta, alla sensibilità dei politici di questa Terra che, conoscendo bene le insidie dell’illegalità del territorio, saranno sicuramente in grado di tradurre il danno che si andrebbe ad arrecare qualora si chiudesse il Reparto Prevenzione Crimine a Vibo Valentia”.

 

 

Articoli Correlati