“Non esistono verità medie” - George Santayana
HomeCalabriaCatanzaroCatanzaro, Lostumbo: "Segnali di vita dalle politiche sociali grazie alla precedente programmazione"

Catanzaro, Lostumbo: “Segnali di vita dalle politiche sociali grazie alla precedente programmazione”

“Ogni tanto, dopo numerose sollecitazioni, l’albo pretorio del Comune di Catanzaro regala qualche soddisfazione. Anzitutto, mi compiaccio per l’approvazione della graduatorie sui caregiver familiari. Una procedura avviata dalla precedente Amministrazione e che finalmente trova uno sbocco”.
È quanto afferma il consigliere comunale Rosario Lostumbo, che prosegue: “Finalmente si dà attuazione a un iter avviato in tempi non sospetti, con un avviso pubblicato in data primo giugno 2022. Praticamente è stato un parto, ma almeno i soggetti interessati potranno avere qualche risposta e sostegno nella difficile attività di stare vicino alle persone con fragilità”.
“L’altra novità – aggiunge Lostumbo – è il nuovo avviso destinato all’individuazione di un operatore economico deputato a occuparsi delle persone senza fissa dimora. Una misura di contrasto alla povertà estrema, che avevo già messo circa un anno fa per trovare un ricovero notturno ai senzatetto, che non aveva avuto esito. Conscio della rilevanza della questione avevo stimolato, a ottobre 2022, l’attuale Amministrazione a trovare un rimedio. Mi auguro, pur se gli importi stanziati risultano gli stessi, che questa volta la procedura possa andare meglio rispetto al passato”.
“Non posso che essere compiaciuto – afferma il consigliere comunale – quando la nuova Amministrazione decide di avallare dei percorsi impostati da quella precedente. Significa che si è lavorato bene e, soprattutto, per il benessere dei più deboli. Certo, il tempo perduto si sta accumulando e i programmi impostati rischiano di rimanere incagliati. Come ho già detto in tempi non sospetti – conclude Lostumbo – sarebbe un delitto buttare alle ortiche una progettazione di almeno di due anni già predisposta dal sottoscritto. Non perseguirla fino in fondo sarebbe non solo un peccato amministrativo ma una beffa nei confronti delle tante persone bisognose che possono essere assiste dalle Politiche sociali di Catanzaro”.
Articoli Correlati