“Chi rinuncia alla libertà per raggiungere la sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza” - Benjamin Franklin
HomeCalabriaElezioni europee, Durigon: "Per fare il Ponte centomila posti di lavoro solo...

Elezioni europee, Durigon: “Per fare il Ponte centomila posti di lavoro solo dall’indotto”

“L’impatto economico della realizzazione del ponte sullo Stretto sul lavoro è tantissimo parliamo di centomila posti di lavoro solo dall’ indotto. Quest’opera per noi è il ponte per l’Europa, il ponte economico che ci darà una visione anche nel G7”.

A dirlo è Claudio Durigon Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali oggi a Messina presentando la candidatura alle elezioni europee di Nino Germanà per la Lega. “Sono sempre esistiti – prosegue Durigon – i comitati del No, siamo abituati. Così come per il Ponte, ad esempio, ci sono stati per le ferrovie per l’alta velocità, però oggi non se ne potrebbe fare a meno. Siamo certi che questa grande opera infrastrutturale potrà rilanciare tutte le opere che mancano in Sicilia e in Calabria e potrà finalmente dare uno slancio a quell’economia che qui nel Sud ha sempre sofferto”.

“Il ponte – osserva – non nasce per le Europee, ma come prima grande opera in Italia e sono orgoglioso e fiero che sia stato Matteo Salvini a portarlo in Senato, come primo decreto legge. Le europee certamente sono importanti e credo che oggi chi vuole il ponte deve votare la Lega”.

“C’è sicuramente una sfiducia, perché negli anni queste opere sono state sempre annunciate e poi fermate, però conosco Matteo Salvini ed è un testardo, si è messo in testa quest’opera e posso garantire che ci sta mettendo anima e cuore. I ritardi tecnici su un’opera così importante ci devono essere perché l’opera deve essere fatta bene, ma su una cosa sono certo, sarà il 2031 o il 2032, ma quest’opera ci sarà, meglio perdere un mese in più per i progetti, ma farli al meglio”, conclude Durigon.

Articoli Correlati