“Chiunque sia un uomo libero non può starsene a dormire” - Aristofane
HomeCalabriaI commissari Proietti, Attili e Ronzoni: "Nessuna guerra interna nella UIL. Nostro...

I commissari Proietti, Attili e Ronzoni: “Nessuna guerra interna nella UIL. Nostro dovere chiarire”

Riceviamo e pubblichiamo:

“Caro direttore,

leggiamo sul Suo giornale il richiamo ad un volantino anonimo che parla di scontri aperti nella UIL. Non si comprende quali siano le fonti, se come menzionato si tratti di presunti generici dissidenti o della presa di visione di un non ben indicato volantino del poeta oppure qualche infondata velina.

Ad ogni modo, conosciamo molto bene l’autorevolezza e la serietà della Sua direzione ed è nota l’importante storia e dimensione del Suo quotidiano.

E, considerato che nessuno dei collaboratori o delle firme del suo giornale ci ha chiesto informazioni o chiarimenti, riteniamo opportuno farle presente quando segue.

La gestione straordinaria della categoria UIL FPL è stata deliberata all’unanimità dall’Esecutivo della Confederazione in data 30 novembre 2022.

L’esecutivo nazionale, che è l’organo incaricato di diversi compiti, tra i quali l’esercizio dell’azione disciplinare nei casi previsti dallo Statuto e la decisione della gestione straordinaria verso le strutture nei casi violazione delle norme statutarie, è composto dai segretari generali delle unioni regionali, dai segretari generali delle 17 categorie della UIL, dai presidenti dei principali servizi e coordinamenti nazionali. Di questa platea fanno parte anche alcuni dirigenti della categoria, appunto, la UIL FPL.

La delibera è stata assunta a seguito della presentazione alla scrivente Organizzazione di tessere consegnate a molti iscritti false e difformi da quelle confederali, che sono le uniche che possono attestare l’iscrizione alla UIL, così come scandito nello statuto, che in questi casi prevede l’adozione dei provvedimenti di commissariamento ed espulsione.

In data odierna, sarà posta sotto gestione straordinaria la struttura di Terni, a fronte di 629 tessere trovate ad una associazione di amici della UIL e per le quali non si ha notizia delle quote associative.

La nostra attività di commissari non solo ha confermato le motivazioni a sostegno della gestione straordinaria, ma ha fatto emergere elementi anomali sia dal punto di vista gestionale che dal punto di vista organizzativo.

Su questi aspetti e sulla gestione delle risorse economiche delle ultime stagioni verrà effettuata una verifica approfondita affidata a una società esterna, attraverso un attento audit al termine del quale la scrivente Organizzazione – in caso di irregolarità riscontrate – si riserva di presentare denuncia alle autorità e di costituirsi parte civile.

Nulla, quindi, a che vedere con guerre interne o legate a scelte organizzative che riguardano la regionalizzazione deliberata dalla conferenza nazionale di organizzazione tenutasi a Roma nel lontano novembre 2016 e definita già, peraltro, nel 2012 alla conferenza di organizzazione svoltasi a Bellaria. Regionalizzazione, che, peraltro, è un percorso di modernizzazione – sostenuto e votato unanimemente nel corso degli anni – teso proprio alla trasparenza, alla semplificazione ed allo snellimento burocratico che genera più partecipazione e investimenti in servizi per le persone.

Riteniamo prioritario il rispetto delle regole dello statuto sul tesseramento, sull’utilizzo delle risorse e sulle scelte organizzative per il passato e per il futuro.

È un dovere nei confronti dei nostri iscritti e una coerenza che non ci può mancare anche rispetto alle rivendicazioni che ogni giorno facciamo nei confronti delle nostre controparti”.

I Commissari UIL FPL Domenico Proietti, Benedetto Attili, Emanuele Ronzoni

Articoli Correlati