“Venite pure avanti, voi, con il naso corto, signore imbellettate, io più non vi sopporto infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio, perché con questa spada vi uccido quando voglio...” (Francesco Guccini, Cirano -
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaReggio: dal 4 al 12 aprile “La forma e il pensiero” dell'artista...

Reggio: dal 4 al 12 aprile “La forma e il pensiero” dell’artista Nino Bruno

Ospitata presso la Sala “U. Boccioni” di Palazzo Alvaro (sede della Città Metropolitana) ha inizio giovedì 4 aprile alle ore 09:30 e si protrarrà sino a venerdì 12, la Mostra “la forma e il pensiero”, organizzata dallo scultore reggino ninobruno (all’anagrafe Antonino Bruno), con la collaborazione del Circolo del Cinema “Cesare Zavattini” e l’Associazione “Territorio e progresso” di Reggio Calabria.

 

Le specifiche in minuscolo dell’artista e del titolo della mostra non sono refusi bensì una precisa scelta dello scultore: l’autentica riservatezza che caratterizzano l’uomo e l’artista non permetteranno mai di dare roboanti attributi alla sua opera. La sua arte è profondamente intima, l’uomo/artista rifugge dall’esibirla e preferisce assorbire le stratificazioni storiche e gli elementi della natura, rielaborandoli con un linguaggio assolutamente personale (nel doppio senso di ‘privato’ e di ‘appartenente a lui’).

Come affermato in un contributo critico di Giovanni Crotti – anch’egli reggino ma trapiantato a Piacenza – “l’opera di ninobruno ha un forte legame con la terra di origine: i titoli delle sue opere, infatti, prendono elementi della cultura del luogo, hanno riferimenti agli affetti, espliciti richiami alla musica colta, congiunzioni con l’emigrazione (la Calabria, come tutto il sud, è terra di storica emigrazione verso il nord italiano, l’estero europeo e d’oltreoceano), la necessità di non perdere mai il dovere di accogliere e di includere. L’artista ninobruno rivendica una purezza estetica incondizionata. Le sue sculturine, così le ama definire con abituali modestia e riservatezza, vanno osservate senza fermarsi al fenomeno esteriore: la parte più interessante risiede nel nucleo nascosto della realtà. Perché, exterior velat interior revelat.”

La Mostra sarà gratuitamente visitabile ogni giorno (esclusa la domenica), dal 4 al 12 aprile, dalle 9:30 alle ore 18:30.

 

Articoli Correlati