“La libertà, Sancio, è uno dei doni più preziosi che i cieli dettero agli uomini… Quindi per la libertà come per l’onore si può e si deve rischiar la vita” - Cervantes – “Don Chisciotte”
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaReggio, quarto appuntamento su piazza De Nava con il Circolo culturale "L'Agorà"

Reggio, quarto appuntamento su piazza De Nava con il Circolo culturale “L’Agorà”

“Il prossimo 31 marzo sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione sul tema ‘Piazza De Nava 4.zero: una lunga e sconcertante storia’, alla quale parteciperanno il biologo Matteo Gatto Goldstein ed il geologo Alfonso Aliperta. L’area ricade nella zona centrale del Bacino di Reggio Calabria, fossa articolata e complessa posta tra il margine sud-occidentale dell’Aspromonte e lo Stretto di Messina, il cui sviluppo è controllato da più sistemi di faglie normali alcune delle quali sono correlabili a quelle dello Stretto, mentre altre sono specifiche del bacino emerso. I diversi sistemi di faglie, caratterizzati da piani di scorrimento prossimi alla verticale lungo i quali si verifica il sollevamento discontinuo del basamento cristallino, hanno originato le scarpate che delimitano il bordo esterno dei terrazzi pleistocenici che scandiscono il sollevamento regionale polifasico che interessa la Calabria meridionale almeno dal Pleistocene. Nel Bacino di Reggio, dove importanti fenomeni di subsidenza avrebbero accentuato la depressione rispetto all’entroterra appenninico in sollevamento, si sono succeduti diversi cicli di sedimentazione, talora interferenti con le deposizioni del bacino ionico. I sedimenti più antichi, deposti in aree marine peri-costiere e generalmente a debole profondità, risalgono al Miocene (Calcareniti e Sabbie molassiche) e sostengono potenti successioni, più o meno continue e spesso in forte discordanza stratigrafica e angolare, di sedimenti plio-pleistocenici di facies deltizia e continentale (Ghiaie e sabbie di Messina) apicalmente ricoperti da depositi olocenico – attuali di facies francamente continentale (Depositi di terrazzo e Deposti alluvionali).  Si discuterà della formazione ed evoluzione geologica del centro storico cittadino, con particolare riferimento all’area in cui si colloca Piazza De Nava. Verrà evidenziato come il centro storico della città sia ubicato a cavallo tra le Fiumare Calopinace e Annunziata e di come la città si sia sviluppata anticamente lungo una ristretta piana alluvionale che risultava attraversata anche da altri corsi d’acqua minori oggi cancellati dall’urbanizzazione. Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data da venerdì 31 marzo”.

E’ quanto si legge in una nota del Circolo culturale “L’Agorà”.

Articoli Correlati