“La verità non muore mai” - Seneca
HomeAgoràAgorà Cosenza"Così racconto le tracce fantasma di una generazione irrisolta". Nicola H. Cosentino...

“Così racconto le tracce fantasma di una generazione irrisolta”. Nicola H. Cosentino presenta il suo ultimo romanzo al pubblico del Premio Sila

«Siamo quello che dichiariamo di essere o quello che agli altri non permettiamo di vedere?». Nicola H. Cosentino si pone questa domanda davanti al pubblico che ieri è accorso numeroso negli spazi della Feltrinelli di Cosenza diretta da Francesca Branca per assistere alla presentazione del suo ultimo romanzo, “Le tracce fantasma” (minimum fax), tra i dieci finalisti dell’undicesima edizione del Premio Sila ’49. «Il mio libro – continua l’autore, nato nel 1991 a Praia a Mare, ma oggi residente a Milano – non dà risposta a questo interrogativo, però invita ad avere pazienza e ad ascoltare: se ci poniamo in dialogo con chi ci sta vicino, impareremo a conoscerlo anche oltre le apparenze».

“Le tracce fantasma” è la storia di Valerio Scordìa, 38 anni, meridionale trapiantato al Nord, critico musicale con un passato che non passa: l’invidia per l’ex amico, diventato frontman di una band di successo; il tormento per l’ex fidanzata, che ora aspetta un figlio da un altro. «È un po’ la storia irrisolta – continua lo scrittore – della nostra generazione, che può far pace con se stessa solo quando ammette che il rapporto col talento altrui è più nebuloso di quanto si riesca ad immaginare e che, soprattutto, si può conoscere a fondo una persona, un amore, solo viaggiando nel tempo, quindi nella fantasia. Prima capiremo – aggiunge – che siamo dove siamo per i nostri fallimenti, per i libri che non abbiamo letto, per i dischi che non abbiamo ascoltato, per i rimpianti e per gli amori che non sono stati, e meglio sarà: siamo quello che siamo grazie alle strade che non abbiamo imboccato».

In dialogo con Cosentino, che oggi collabora con “La Lettura” del «Corriere della Sera», le giornaliste Rita Campanaro e Maria Teresa Pedace che il volume lo definiscono come «romanzo d’amore e d’avventura», ma trattasi «anche – afferma la direttrice del Sila, Gemma Cestari – di un viaggio nel tempo e nella musica, dove a grandeggiare è un protagonista, Valerio, in cui confluiscono molti personaggi novecenteschi, tutti appartenenti alla famiglia umana del disagio».

Tra l’“Alta fedeltà” di Nick Hornby e una canzone di Ivan Graziani, tra una riflessione sul mondo dei vinili e del digitale e un’altra su quelli che sono i percorsi creativi, “Le tracce fantasma” – il cui titolo «si deve – rivela Cosentino – al collega Fabio Stassi; prima il libro avrebbe dovuto chiamarsi “A suo tempo” o “Sempre festa”» – ha poi un linguaggio assai cinematografico. Motivo per cui l’ultima domanda posta all’autore è se la sua opera diverrà presto un film o una serie tv. «Non lo so, ma se dovesse essere non mi tirerò di certo indietro», è la risposta, in ultimo, di Nicola H. Cosentino, candidato al Premio Sila.

Articoli Correlati