“Chi non conosce la verità è soltanto uno sciocco; ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un malfattore” - Bertolt Brecht
HomeAgoràAgorà CosenzaBorghi Autentici d'Italia, parte da Rende la rete delle municipalità che vogliono...

Borghi Autentici d’Italia, parte da Rende la rete delle municipalità che vogliono salvaguardare le identità locali

Domenica scorsa al centro storico di Rende, nella sala convegni “Fiorella Sicilia” di Palazzo Zagarese, sede del Museo Civico, la città di Rende ha ospitato l’assemblea della Delegazione Regionale dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia.
Nell’occasione, oltre a rinnovare gli organismi dirigenti, si è discusso di co-progettazione, una nuova frontiera di sviluppo per i comuni, delle “esperienze” che è possibile vivere sui territori, del “2023 Anno del Turismo delle Radici” e del progetto Borghi Calabria.
“Splendeva il sole domenicale sullo spettacolare “Palazzo Zagarese”, sede del Museo Civico, suscitando la meraviglia degli ospiti. I lavori della Delegazione sono stati serrati. Abbiamo rinnovato la delegazione: delegato è stato eletto il Sindaco di Melissa, Raffaele Falbo.  Entrano nella delegazione i Comuni di: San Lorenzo Bellizzi, nella persona della Vicesindaco Nicoletta Pittelli; Serrastretta – Vicesindaco Antonio Talarico; Cirò Marina, Sindaco Mario Sculco. I Sindaci presenti hanno anche concordato sul fatto  che entri a far parte della Delegazione il Sindaco di Bovalino, Vincenzo Maesano non appena il Comune avrà completato  l’iter di adesione alla BAI. Abbiamo così riconosciuto l’importanza dell’ingresso in BAI del primo comune della città metropolitana di Reggio Calabria”, ha affermato l’assessora alla cultura Marta Petrusewicz.
Rende ha aderito al BAI nel 2019, in virtù della specificità del suo borgo antico, il centro storico.
La neoeletta capogruppo di Laboratorio Civico, nonché consigliera comunale delegata al centro storico Romina Provenzano, ha poi sottolineato: ” Borghi Autentici d’Italia è un’Associazione che riunisce piccoli e medi comuni, enti territoriali ed organismi misti di sviluppo locale, attorno all’obiettivo di un modello di sviluppo locale sostenibile, equo, rispettoso dei luoghi e delle persone e attento alla valorizzazione delle identità locali. Riscoprire i borghi italiani quali luoghi da vivere, sostenere e preservare è l’obiettivo comune che vede impegnati i nostri comuni in una rete di Borghi dove gli amministratori e gli operatori economici, sociali e culturali dei luoghi sono i protagonisti”.
La presidente Rosanna Mazzia ha ringraziato tutti i componenti della Delegazione precedente e il delegato Antonio Palermo⁩, sindaco di Mendicino per il contributo che hanno dato a Borghi Autentici.
“Malgrado la pandemia ci abbia impedito di realizzare le tante iniziative programmate, l’assemblea, divisa in sottogruppi, ha discusso con i tecnici, i progettisti e gli architetti della BAI, i problemi legati all’attuazione dei progetti PNRR, del bando Borghi Calabria (riservato ai comuni sotto i 15 mila abitanti) e del turismo delle radici”, ha concluso Petrusewicz.
Articoli Correlati