“L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva: la storia insegna, ma non ha scolari” - Antonio Gramsci
HomeAgoràAgorà CatanzaroProgetto Albergo Diffuso a Montauro, Nesci e Montuoro (Fdi): "Un innovativo modello...

Progetto Albergo Diffuso a Montauro, Nesci e Montuoro (Fdi): “Un innovativo modello turistico che coniuga ospitalità e sviluppo del territorio”

 

“E’ un innovativo modello di ospitalità, basato sul recupero di piccoli borghi i cui edifici comunali inutilizzati vengono ristrutturati e aperti all’accoglienza dei turisti, attraverso un progetto di rigenerazione e sviluppo del territorio” – Queste le parole dell’eurodeputato Denis Nesci e del Consigliere regionale Antonio Montuoro in visita a Montauro in occasione dell’ufficializzazione dell’approvazione del Progetto Albergo Diffuso.

“Complimenti al sindaco Giancarlo Cerullo e alla sua giunta per la loro capacità di generare economia sociale attraverso una visione chiara che appartiene agli amministratori in grado di guardare al futuro” – sottolineano gli esponenti di Fratelli d’Italia, che aggiungono: “Grazie ad un’opportunità lanciata dal Comune di Montauro, investimenti privati permetteranno una strutturazione destagionalizzata d’offerta di servizi in una logica di riqualificazione integrata del borgo che punti a ripopolarlo e a renderlo attrattivo dal punto di vista turistico e residenziale”.

“Sposiamo appieno quest’idea di marketing territoriale che ha l’ambizione di considerare i viaggiatori e visitatori della nostra terra, come residenti temporanei o, addirittura, potenziali nuovi residenti; per questo, il nostro auspicio è che il modello di Albergo Diffuso di Montauro possa essere replicato anche in altri comuni calabresi che soffrono del sempre più corrente fenomeno dello spopolamento, che spesso rischia di tramutarsi in isolamento. Pertanto – concludono Nesci e Montuoro – l’invito che rivolgiamo a tutte le amministrazioni calabresi, è di considerare il modello dell’Albergo Diffuso come rigeneratore economico e sociale dei borghi, e, perché no, come strumento di rivitalizzazione delle comunità”.

Articoli Correlati