“Ti accorgerai com'è facile farsi un inutile software di scienza e vedrai che confuso problema è adoprare la propria esperienza” - Francesco Guccini, Culodritto
HomeAgoràAgorà CatanzaroLamezia Terme: al via la Scuola dei Ministeri

Lamezia Terme: al via la Scuola dei Ministeri

Sono complessivamente 664 gli iscritti, al momento, alla Scuola dei Ministeri che ha preso il via ieri sera, contemporaneamente, nelle quattro sedi dislocate sul territorio Diocesano: Lamezia Terme (400); Acconia (101); Nocera Terinese (71); Soveria Mannelli (92).

E quello di ieri sera è stato un altro momento formativo che va ad aggiungersi all’esperienza, avviata lo scorso anno e proseguita quest’anno, della Scuola Biblica Diocesana, che, al momento, conta 550 iscritti. Si tratta di due attività fortemente volute dal Vescovo, monsignor Serafino Parisi, che ieri sera ha partecipato all’avvio degli incontri nella sede di Lamezia Terme, ospitati nel salone della parrocchia di San Giuseppe Artigiano.

“La Scuola dei ministeri – ha detto il Vescovo, che per le prossime lezioni si recherà a turno nelle altre sedi – risponde a una necessità di questa Chiesa diocesana e di tutta la Chiesa ma risponde anche ad un’idea che ho sempre avuto e sia da parroco, che da responsabile del settore biblico dell’ufficio catechistico e  direttore dell’ufficio catechistico della mia Diocesi di origine, ho sempre portato avanti e, cioè, l’approfondimento della Sacra Scrittura e la conoscenza dei temi fondamentali della nostra Fede Cristiana, storicamente determinatasi nella forma Cattolica, per arrivare alla consapevolezza della scelta che facciamo e del servizio che siamo chiamati a rendere nella storia, sia a portata popolare”.

“Popolare – ha aggiunto monsignor Parisi –  non vuol dire di basso livello. Popolare vuol dire alto impegno, però diffuso. Ho pensato a questa cosa riflettendo su una  delle prime traduzioni della Bibbia in latino. C’era la cosiddetta Vetus Latina o Itala che era molto antica e poi subito dopo venne la Vulgata di San Girolamo che l’ha voluta chiamare vulgata, cioè popolare. Vulgata viene da volgo che non ha un’accezione negativa ma ha, invece, la connotazione del nostro essere Chiesa. Immaginate la Bibbia scritta in ebraico, in aramaico in alcune parti e in greco, sarebbe stata patrimonio soltanto per alcuni specialisti e basta. Invece, all’epoca, il latino era la lingua comune. Ed allora San Girolamo tradusse tutta la Scrittura in latino dall’ebraico, dall’aramaico, dal greco utilizzando anche traduzioni che c’erano prima, per consegnare la Sacra Scrittura a tutti”.

“Quando il Concilio Vaticano II – ha sottolineato il Vescovo – ha parlato del Mistero della Chiesa e ha detto che, in un certo senso, bisognava capovolgere quella piramide con uno che stava sopra e tutti gli altri come i sudditi sotto, ha usato questa categoria già nota all’interno della Bibbia che era la parola ‘laos’, da dove viene laicos, cioè laico, e laos vuol dire popolo: la Chiesa popolo di Dio, popolo dei credenti, popolo dei battezzati. Quindi, quando diciamo Vulgata, ci inseriamo nell’intenzione di San Girolamo che voleva che la Bibbia smettesse di essere patrimonio di pochi per essere messa nelle mani di tutti i credenti. Cioè, una scelta popolare. Questa è stata l’intuizione, la volontà, la determinazione e il progetto di San Girolamo”.

Monsignor Parisi, nel parlare del sostegno dei sacerdoti e del suo Consiglio Episcopale nella realizzazione di questa sua idea, si è detto anche “orgoglioso del fatto che in Diocesi ci siano tanti specialisti dei singoli settori. Di fatto, non sono dovuto andare fuori da essa: tutti i docenti sono tutti della nostra Diocesi. Qui – ha detto il Vescovo – c’è una potenzialità di forze che vengono impiegate per il bene della Diocesi. Oltre a quello che già fanno nelle parrocchie, soprattutto i parroci, ora c’è anche il mettersi al servizio di questa consegna nelle mani del Popolo Santo di Dio, del patrimonio bello della nostra Fede. E di questo vado orgoglioso”.

Infine, ha ringraziato la coordinatrice della Scuola, Natalina Parise, ed i componenti lo staff che opera nelle quattro sedi.

Altro dato da segnalare è che, attualmente, sono oltre 1200 gli utenti che si sono registrati sul Portale della Diocesi per potersi iscrivere alle varie iniziative che la Diocesi, oltre alle due Scuole (Biblica e dei Ministeri), intende portare avanti.

Articoli Correlati