“La vita è bella. Possano le generazioni future liberarla da ogni male, oppressione e violenza e goderla in tutto il suo splendore” - Lev Trotsky
HomeAgoràAgorà CatanzaroLamezia, il Liceo Classico-Artistico "F. Fiorentino" nella natura col percorso 'Physis'

Lamezia, il Liceo Classico-Artistico “F. Fiorentino” nella natura col percorso ‘Physis’

Sentirsi Natura nella Natura è il senso dell’iniziativa promossa dall’Indirizzo Quadriennale del Liceo Classico-Artistico F. Fiorentino, sperimentato presso il Lungomare Falcone Borsellino e attigua Pineta, coordinato dai docenti Anna Chierchia, Teresa Colacino, Danilo Marasco, Elisabetta Minervini e Giuseppe Villella.

Gli allievi delle quattro classi quadriennali, immersi completamente nel contatto diretto con gli elementi naturali, hanno sviluppato il tema della Physis a più livelli interdisciplinari, attraverso un caleidoscopio di forme, espressioni, profumi, colori, immagini e libera creatività.

Si è partiti dalle Scienze Naturali, che hanno posto l’attenzione sugli elementi circostanti, in primis il mare, con la sua forza dirompente, la sua infinita estensione, citando studi, ricerche, statistiche e prospettive e progettualità sostenibili. Poi si è passati alla Dialogicità Filosofica che, offrendo diversificate visioni dell’accezione della Physis, ha aperto interrogativi etici e morali sul viscerale e, al tempo stesso, intricato rapporto uomo-natura. La Letteratura e la Poesia, in lingua italiana e inglese, hanno di seguito trasportato i discenti in una dimensione lirica e surreale, stimolando emozioni e sentimento. Infine è stata la volta delle Scienze Motorie che, esplorando le potenzialità della pratica dell’Orienteering, hanno fatto appello alle risorse del Soma, intrinsecamente connesso al contesto ambientale in cui é inserito.

Insomma una pratica metodologica basata su fluidità di pensiero e stretta relazione fra i diversi ambiti disciplinari, così come nello stile della proposta formativa Quadriennale. I ragazzi hanno reagito con vivo e spontaneo interesse, mostrando di accogliere con entusiasmo esperienze come questa, atte oltretutto a veicolare un sano senso d’appartenenza e conoscenza del proprio territorio, ingredienti di una consapevole cittadinanza attiva.

Articoli Correlati