“È difficile dire la verità, perché ne esiste sì una sola, ma è viva e possiede pertanto un volto vivo e mutevole” - Franz Kafka
HomeAgoràAgorà CatanzaroIl 3 febbraio a Lamezia Terme l'assemblea regionale dei Popolari in rete....

Il 3 febbraio a Lamezia Terme l’assemblea regionale dei Popolari in rete. Arnone: “Confronto aperto ai partiti per costruire un progetto politico basato sulla persona umana”

«La persona al centro della politica» è il titolo dell’iniziativa pubblica che i Popolari in rete della Calabria hanno organizzato con la Scuola di formazione al bene comune per il prossimo venerdì 3 febbraio a Lamezia Terme: alle ore 17,30 nel teatro della parrocchia di San Giovanni Battista.

«Si tratta – spiega Vincenzo Arnone, presidente del Popolari calabresi – di un confronto aperto, cui parteciperanno Giuseppe De Mita, già vicepresidente della Regione Campania, l’ex deputato Francesco Sapia e tutti i componenti del nostro comitato regionale, diversi rappresentanti della società civile e di altre forze politiche. La distanza dei cittadini dalla politica – continua Arnone – continua a crescere. Tre ne sono le ragioni principali: spesso nei partiti manca il coinvolgimento delle persone che vogliono impegnarsi per il bene comune a partire dai territori; in genere gli organi elettivi dispongono l’allocazione di risorse pubbliche senza considerare a fondo i bisogni della persona, al punto che i più deboli e fragili sono messi ai margini come i giovani e le categorie produttive; il sensazionalismo che cammina sui social ha fatto perdere di vista i problemi reali dei singoli e delle comunità, specie in questo periodo di crisi internazionale e di aumento spaventoso del costo della vita».

«C’è dunque bisogno di cambiare metodo, di includere le tante intelligenze e coscienze civili della Calabria, di presentare proposte concrete e moderne, di raccogliere la voce e le istanze dei cittadini soprattutto in una regione come la nostra, in cui i persistenti divari strutturali e culturali dal resto dell’Italia determinano – conclude Arnone – nuova disoccupazione ed emigrazione, allontanando la speranza in un futuro di giustizia sociale, di libertà e progresso tangibili».

Articoli Correlati