“L'arte di non sapere, che non dev'essere confusa con l'ignoranza, perchè gli ignoranti non sono responsabili della loro triste condizione, nasce da un'idea autolatra ed egocentrica del mondo e della società” - Luis Sepúlveda
HomeFronte del palcoFronte del palco Reggio CalabriaReggio, tutto pronto per la nuova Stagione Concertistica dell’Orchestra del Teatro Cilea

Reggio, tutto pronto per la nuova Stagione Concertistica dell’Orchestra del Teatro Cilea

Domenica 25 Febbraio ore 18:30 presso l’Auditorium Gianni Versace di Reggio Calabria si darà il via alla nuova Stagione Concertistica dell’Orchestra del Teatro Cilea con un concerto sinfonico diretto dalla bacchetta prestigiosa ed internazionale del M° Ahmed El Saedi, solista il flautista reggino Alessandro Carere, prima parte importante dell’orchestra cittadina.

Si inizia col il Divertimento per flauto op. 52 BV 285 di Ferruccio Busoni, solista il M° Carere, a seguire la sinfonia 31 K297 di Wolfgang Amadeus Mozart della “Parigi” e la Sinfonia n° 8 in Fa op. 93 di Ludwig van Beethoven. Un programma sinfonico di spessore, con prime esecuzioni assolute, seppur di grande repertorio, a Reggio Calabria, un’occasione per gli amanti ed i curiosi di godere della grande Musica.

Il 2024 dell’Orchestra del Teatro Cilea è iniziato con l’enorme successo del Gran Concerto di Capodanno al Teatro Cilea, continuato qualche settimana fa al Palacultura di Messina nell’apprezzato concerto della stagione della Filarmonica Laudamo ed in ultimo con l’uscita discografica, del mese di Febbraio, per la rivista specializzata AMADEUS, la più blasonata in Italia.

Sull’onda dell’entusiasmo si annuncia quindi il primo concerto sinfonico della Stagione 2024, ricca di appuntamenti, variegati e diversificati che inizieranno per l’appunto a febbraio e termineranno a Dicembre, con alcune produzioni di livello internazionale ed ospiti importanti che porteranno ancora con orgoglio il professionismo calabrese alla luce della ribalta nazionale, di una realtà reggina che in questo momento non solo produce cultura ma la esporta.

Articoli Correlati