“Non esistono verità medie” - George Santayana
HomeFronte del palcoFronte del palco Reggio CalabriaReggio, al "Cilea" arriva Francesco Procopio con la commedia "Non ci resta...

Reggio, al “Cilea” arriva Francesco Procopio con la commedia “Non ci resta che ridere”

E’ la storia di un trio comico che dopo anni di fortuna calcando teatri, programmi televisivi e addirittura film per il cinema, si separa a causa di una “questione” d’amore, facendo sfumare per sempre la ricchezza sia economica e artistica di questo famoso gruppo.
Indecisioni, contraddizioni e scontri, saranno il “fil rouge” della commedia “Non ci resta che ridere” in scena venerdì 17 Febbraio al teatro “Francesco Cilea” di Reggio Calabria con i bravissimi attori Francesco Procopio, Loredana Piedimonte, Giuseppe Cantore ed Enzo Casertano, altro imperdibile appuntamento della stagione teatrale dell’Officina dell’Arte del direttore Peppe Piromalli.
La pièce, scritta e diretta da Antonio Grosso e prodotta dalla “Good Mood”, regalerà “tantissime risate e due ore di puro divertimento”, parola del protagonista Procopio che anticipa qualcosa sulle vicende e sulla trama scoppiettante esaltata da un cast straordinario.
“Metteremo in scena qualcosa di leggero e comico ma, per farlo, è necessaria la presenza di mattatori, istrioni del palco perché il teatro è fatto di emozioni, sensazioni, momenti veri nei quali viene portato dentro il pubblico che è il protagonista – afferma l’attore partenopeo -. Ogni spettatore partecipa attivamente alle peripezie, a tutte le dinamiche che coinvolgono gli interpreti e, insieme, faremo quel cammino di rivincita e riscatto personale dei quattro comici. Dipingeremo uno spaccato del mondo dello spettacolo che farà tanto sorridere e per qualche ora, metteremo da parte paure e problemi quotidiani”.
Un cast giusto e molto affiatato capace di affrontare un tema delicato quale l’amicizia ma anche, la sfera dei sentimenti, le fragilità umane, le prove della vita nelle quali saranno catapultati attori e spettatori tra giochi di luci e ritmi.
“E’ una commedia di valori, in cui una persona ritrova una parte di se stessa ma è anche, un testo leggero  che gira in lungo e in largo la Penisola già dall’anno scorso – continua il vulcanico Procopio -. E’ piaciuta da subito e ha riscosso un grandissimo successo perché la storia fa tanto ridere dall’inizio alla fine, ma poi, non vuole insegnare niente a nessuno. Proviamo ad alleggerire la pesantezza di un quotidiano che, spesso, ci soffoca, ci offusca. Credetemi, venite a teatro e i problemi scompariranno, riderete a crepapelle. Manderemo via le cose che vi tediano e poi, se questo spettacolo è riuscito ad entrare a casa vostra, è una garanzia. Inoltre, dobbiamo far registrare a Peppe Piromalli un altro successo per la sua stagione perché chiunque abbraccia la croce dell’arte, del teatro, è un vero campione. Non c’è un eccessivo guadagno dietro alle stagioni artistiche e chi le fa, è per puro amore del teatro. Sicuramente, Peppe è un eroe come lo sono tutti quelli che affrontano questa grossa fatica. Chi porta avanti la cultura, l’arte va assolutamente premiato”.
Articoli Correlati