“Pane e coraggio ci vogliono ancora che questo mondo non è cambiato, pane e coraggio ci vogliono ancora sembra che il tempo non sia passato” - Ivano Fossati
HomeCalcioPartita senza storia a Marassi, il Genoa cala il poker: 4-0 sul...

Partita senza storia a Marassi, il Genoa cala il poker: 4-0 sul Cosenza

Il Genoa vince senza troppa fatica e si riprende il secondo posto in solitario che il Bari per una note gli aveva soffiato. Lo fa surclassando 4-0 il fanalino di coda Cosenza che non ha mai impegnato Martinez in tutta la partita.

Genoa pericoloso sin dai primi minuti e in vantaggio poco dopo la mezz’ora non prima di aver colpito una traversa con Sabelli e di aver impegnato in tre occasioni il portiere ospite Micai. Il gol nasce da uno schema su punizione dal vertice di destra di Gudmundsson che serve direttamente sul secondo palo Dragusin, libero di colpire di testa per la terza rete personale nelle ultime quattro gare. Vantaggio legittimato anche da una conclusione di Sabelli, bravo ancora Micai. Mentre l’unico sussulto del Cosenza nasce da un colpo di testa spalle alla porta di D’Urso che finisce sulla traversa a fine primo tempo.

Nella ripresa però il Grifone impone la legge del Ferraris, da quando c’è Gilardino sulla panchina della prima squadra sei vittorie e un pareggio senza subire mai gol, raddoppiando al 12′ grazie ad un errore di Calò al limite della propria area che Gudmundsson sfrutta al meglio superando anche il portiere prima di appoggiare in porta. Due minuti dopo arriva il terzo gol, merito di Puscas, assist di Sabelli, bravo a girarsi in area e freddare il portiere avversario. Poco dopo la mezz’ora anche Jagiello inserisce il proprio nome nella lista dei marcatori con un’azione personale che conclude a rete dopo essersi liberato di due avversari al limite.

Articoli Correlati