“Se vuoi descrivere ciò che è vero, lascia l’eleganza al sarto” - Albert Einstein
HomeCalabriaReggio CalabriaReggio: nasce il Gruppo Civico NOI SIAMO ARGHILLA'- la Rinascita

Reggio: nasce il Gruppo Civico NOI SIAMO ARGHILLA’- la Rinascita

Si è costituito ufficialmente sabato 10 febbraio il Gruppo Civico NOI SIAMO ARGHILLA’- la Rinascita che in questi ultimi mesi ha smosso in maniera significativa la coscienza di tantissimi cittadini residenti nel quartiere di Arghillà con il coraggioso obiettivo di poter rendere questo rione, oppresso da tanti problemi e abbandonato, una perla di Reggio Calabria. Ma da dove partire se non facendo una rivoluzione che parta dal basso?

Dalle proteste per la mancanza dell’acqua, che hanno portato finalmente a vedere l’aurora in un problema cronico che aveva messo in ginocchio tutti i residenti del rione per diversi mesi, fino alla manifestazione sulla spazzatura che ha coinvolto diversi quartieri di Reggio Calabria, ecco che i cittadini riunitisi sotto il nome di “NOI SIAMO ARGHILLA’-la Rinascita” hanno voluto dare un segnale forte all’intera cittadinanza che, se le cose si vogliono cambiare allora bisogna partire dal coraggio di battersi in prima persona senza piegarsi a favori ed interessi personali.

“Oggi è nato un nuovo gruppo civico che ha a cuore l’interesse del quartiere e dei suoi residenti: chi vuole può combattere con noi, chi no può anche star fermo a guardare. Ognuno è libero di fare come crede, ma crogiolarsi nel vittimismo è inutile! Noi abbiamo scelto di lottare per cambiare le cose.  Ad ogni cittadino la scelta: noi continueremo anche da soli!” – ha dichiarato il Presidente del neonato Gruppo Civico Patrizia D’Aguì – “E’ importante alimentare la speranza di chi è travagliato e afflitto da tutta questa situazione: già ci hanno abbandonato le istituzioni, almeno tra noi cittadini dobbiamo sostenerci per non cadere nella disperazione totale!”.

Proprio questa notte, infatti, si registra l’ennesimo devastante incendio nel Quartiere di Arghillà, vicino alle abitazioni che aggrava terribilmente la situazione sanitaria del rione: “Fumi e diossine, qui si muore avvelenati! Non si può andare avanti così! Tutti si riempiono la bocca di proclami e promesse: guardano alle fesserie senza risolvere i problemi veri! Ma da oggi i nostri amministratori si dovranno guardare dal raccontare supercazzole perché noi siamo pronti a sgonfiare ogni proclama e a smentire ogni falsa promessa. Lo faremo con verità, giustizia e trasparenza. Saremo, uniti e pronti a lottare per ridare dignità al nostro quartiere sotto ogni aspetto. SENZA SE E SENZA MA, combatteremo per noi per i nostri figli e per i nostri nipoti, SENZA MAI PERDERE LA SPERANZA! – ha rimarcato Patrizia D’Aguì.

“Crediamo non ci manchi nulla per rinascere come un fiore all’occhiello delle periferie di Reggio Calabria. Anzi, una cosa manca: mancano amministratori al servizio dei cittadini! per questo saremo un organo cittadino di controllo e supervisione che romperà il tacito accordo di immobilismo e lassismo che vige a Palazzo San Giorgio e oltre. Grideremo finché le nostre urla non arriveranno sui tavoli giusti e verremo ascoltati!” – ha sottolineato il Presidente del Gruppo Civico NOI SIAMO ARGHILLA’, riconfermando ufficialmente l’impegno di questo nuovo movimento per il quartiere: un servizio di cittadinanza attiva prezioso per l’intero quartiere e che può davvero raccogliere sotto un unico tetto tutti i cittadini stanchi e piegati da un’amministrazione troppo distante e completamente scollata dai reali bisogni del rione.

“Non ci resta che unirci per lottare contro l’immobilismo di questa amministrazione e delle istituzioni che a vario titolo hanno il dovere di intervenire sui problemi annosi e gravi del nostro quartiere. Abbiamo acceso i riflettori e non ci fermeremo.  Metteremo in campo iniziative e programmi per promuovere il benessere del quartiere e dei suoi residenti. Si legge dei fondi PINQUA per il progetto di riqualificazione, della visita del Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle periferie Alessandro Battilocchio, ma per noi restano solo articoli di giornale e proclami propedeutici alla campagna elettorale. Prima le opere poi gli annunci: non continuate ad offendere la nostra intelligenza!” – ha concluso il Presidente Patrizia D’Aguì.

Articoli Correlati