“Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità” - Friedrich Nietzsche
HomeAgoràAgorà CatanzaroPresentato il Premio Verga per i migliori oli extravergini del Mediterraneo: tradizione...

Presentato il Premio Verga per i migliori oli extravergini del Mediterraneo: tradizione e innovazione si incontrano a Cotronei il 18 e 19 maggio

Si è svolta a Catanzaro, nella Sala oro della Cittadella regionale, la conferenza stampa di presentazione dell’ottava edizione del Premio Verga per i migliori oli extravergini di oliva del Mediterraneo, organizzato dal Comune di Cotronei (Crotone) e lì in programma, a Palazzo Verga, i prossimi sabato 18 e domenica 19 maggio, giorno in cui ci sarà la premiazione dei vincitori delle singole categorie, Fruttato (medio, intenso e leggero), Dop, Igp, Bio e Packaging, descritte da Pierluigi Benincasa, il vicesindaco con delega all’Agricoltura.

Il sindaco di Cotronei, Antonio Ammirati, ha parlato dell’importanza del Premio, sostenuto dalla Regione Calabria, che inizierà con un convegno di prestigio in cui si parlerà della storia greca della produzione di olio extravergine di oliva nel territorio, come del presente e del futuro dei produttori locali, i quali hanno fatto passi da gigante in termini di qualità e di promozione.

Al Premio hanno partecipato 64 produttori delle regioni Calabria, Sicilia, Campania, Sardegna e Puglia. L’evento ritorna dopo un lungo stop imposto dalla pandemia e, secondo Ammirati, dovrà crescere ancora di più, grazie anche all’interesse, all’attenzione e al sostegno della Regione Calabria, come alla collaborazione dell’Arsac, del Gal Kroton e degli altri partner pubblici e privati della manifestazione, già di rilievo nazionale.

L’obiettivo del Comune di Cotronei è fare del Premio un appuntamento di richiamo internazionale, coinvolgendo produttori di nazioni vicine. Ammirati ha poi sottolineato il collegamento tra il Premio Verga e l’evento Sila Scienza, ideato e promosso dal Comune di Cotronei insieme al Centro studi Kos, presieduto dalla scienziata Domenica Taruscio, peraltro originaria e cittadina onoraria di Cotronei. «Scienza e natura – ha precisato il sindaco di Cotronei – sono un binomio vincente. Anche con la collaborazione dell’Istituto superiore di sanità, che già abbiamo avuto a partire dal presidente, professore Rocco Bellantone, e dal professore Alberto Mantovani, possiamo conoscere e valorizzare meglio le nostre risorse naturali; pure nel campo dell’agricoltura, quindi della produzione dell’olio extravergine di oliva, aspetto distintivo della nostra storia millenaria».

«Il Premio Verga – ha detto Gianluca Gallo, assessore all’Agricoltura della Regione Calabria – ci riporta indietro nel tempo e ci fa capire quanto sia stato importante l’ulivo e l’olio per la crescita della nostra regione. Noi dovremmo venerare l’ulivo come pianta sacra e questo premio ce lo ricorda. Mi piace parlare anche di innovazione, vale a dire della qualità e della ricerca della qualità in una regione che potrebbe ritrovare il proprio ascensore sociale nell’olio e nell’ulivo, anche in questo secolo, se noi valorizziamo queste produzioni avendo come unica ambizione la qualità. Dobbiamo cominciare a raccontarci in maniera diversa, aderente alla realtà, valorizzando con consapevolezza – ha rimarcato Gallo – le nostre enormi potenzialità».

Filippo Pietropaolo, assessore alle Risorse umane della Regione Calabria, ha affermato: «Il Premio Verga è un’iniziativa di grande rilievo, perché mette a confronto tante e diverse realtà produttive, quindi dà la possibilità ai nostri imprenditori di migliorare sempre la qualità del loro olio».

Appuntamento, dunque, a Cotronei, a Palazzo Verga: sabato 18 maggio con il convegno di esperti “Olivicoltura: da tradizione millenaria a futuro della Calabria”, a partire dalle ore 10 e con la moderazione di Peppone Calabrese, conduttore di Linea Verde; domenica 19 maggio, con la premiazione dei vincitori, prevista alle ore 10, e la cucina del noto chef Ercole Villirillo.

Articoli Correlati