“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeCalabriaIniziato l'incidente probatorio per naufragio Cutro, il gip dei minori: "Nell'udienza convocati...

Iniziato l’incidente probatorio per naufragio Cutro, il gip dei minori: “Nell’udienza convocati 3 superstiti”

E’ iniziato da pochi minuti, nel Tribunale dei minorenni di Catanzaro, l’incidente probatorio per il naufragio di Steccato di Cutro che ha provocato 86 vittime accertate. L’inizio era slittato per l’assenza dell’interprete del 17enne pakistano indagato quale presunto scafista. Il gip, oggi, dovrà sentire tre dei superstiti, un siriano e due pakistani. L’udienza proseguirà poi lunedì e martedì prossimi quando saranno sentiti, rispettivamente, altri 2 e 4 superstiti. Non tutti, infatti saranno sentiti ma solo quelli le cui testimonianze sono ritenute più significative per l’indagine nei confronti dei presunti scafisti.

“Sapevo che l’Italia protegge”. A dirlo, secondo quanto si è appreso, è stato uno dei superstiti del naufragio di Steccato di Cutro sentito dal gip del Tribunale dei minorenni di Catanzaro, Donatella Garcea, nell’incidente probatorio per il presunto scafista 17enne.

L’uomo ha anche riferito che gli scafisti lo avevano rassicurato che una volta giunti nelle acque italiane i migranti sarebbero stati salvati. Il superstite ha poi detto che, una volta giunto a riva, c’erano solo due carabinieri ed un pescatore. Inoltre ha riferito di avere sempre viaggiato sotto coperta e di non essersi reso conto delle condizioni del mare. E poi, con l’avvicinarsi alla riva, di essersi molto preoccupato.

Articoli Correlati