“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeCalabriaCosenzaChiusura punto nascita Sacro Cuore di Cosenza. Il sindaco Caruso accanto a...

Chiusura punto nascita Sacro Cuore di Cosenza. Il sindaco Caruso accanto a “MammacheMamme” a difesa del diritto alla salute: “Scellerate le scelte del governatore Occhiuto”

“Non sarò personalmente presente per impegni precedentemente assunti al sit-in per  dire “No alla chiusura del punto nascita del Sacro Cuore” previsto domani, sabato 20 aprile, davanti alla clinica di Corso Italia ed organizzato dall’ associazione MammacheMamme. Parteciperà, però, su mia espressa richiesta una delegazione di amministratori e consiglieri di maggioranza, attesa l’importanza del tema trattato e la giusta rivendicazione che sta alla base dell’iniziativa”. Lo afferma il sindaco Franz Caruso che prosegue: “Reputo scellerate, perché prive di ogni fondamento e criterio sulla base delle quali rendere efficiente il nostro sistema sanitario, le scelte compiute dal governato Occhiuto, nella sua qualità di commissario ad acta alla sanità calabrese, e contenute nel DCA n.69 della Regione Calabria del 14 marzo scorso, per la riorganizzazione della rete ospedaliera, dell’emergenza urgenza e per le reti tempo-dipendenti.  In particolare, con la soppressione del punto nascita del Sacro Cuore, struttura accreditata e convenzionata con il SSN, a Cosenza rimarrà come unico punto nascita attivo il solo reparto di Ostetricia dell’Annunziata. Un reparto, quest’ultimo, già in forte affanno ed oberato di lavoro, anche e soprattutto per via della forte e cronica carenza di personale, su cui gravano liste di attesa di molti mesi, soprattutto per la patologia benigna ginecologica. E’ evidente, dunque, che si andrà ad incancrenire una situazione già al collasso e che avrà pesanti ricadute sull’intero sistema sanitario regionale”.
“Reputo, pertanto, importante la battaglia di MammacheMamme – conclude Franz Caruso – e di tutti i cittadini che hanno deciso di scendere in campo a tutela del sacrosanto diritto alla salute che viene, ancora una volta, calpestato dal governatore Occhiuto per questioni e fini prettamente di interesse politico/elettoralistico. Tant’è che non avverte neanche la responsabilità di dare una pur minima spiegazione alle sue assurde ed inammissibili decisioni ergendo tra lui e la Istituzione che rappresenta, i Sindaci ed cittadini, per come evidenzio spesso, un muro del silenzio dietro al quale è facile trincerarsi”.
Articoli Correlati