“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeCalabriaCosenzaIl professore Spartaco Pupo terrà una lezione su Hume all’Università di Bologna

Il professore Spartaco Pupo terrà una lezione su Hume all’Università di Bologna

Importante riconoscimento scientifico per il professore universitario e politologo cosentino Spartaco Pupo.

Nelle scorse settimane il prof. Pupo, che insegna Storia delle dottrine politiche all’Università della Calabria, ha ricevuto dall’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna l’incarico di tenere una lezione seminariale presso il Corso di Laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche – Campus di Forlì. Si tratta di una delle realtà più avanzate negli studi di politica, geopolitica, relazioni internazionali e strategie diplomatiche.

Agli studenti dell’ateneo emiliano il prof. Pupo parlerà del pensiero internazionale di David Hume, pensatore scozzese del Settecento, iniziatore del liberal-conservatorismo, del quale il docente dell’Unical è uno dei massimi esperti al mondo. Nella sua decennale attività di studi, Pupo ha curato, tra l’altro, la prima edizione italiana (2017) e la prima edizione mondiale in lingua inglese (2019) degli scritti sulla guerra e le relazioni internazionali del pensatore scozzese. Tali lavori, per l’originalità e il rigore scientifico che presentano, hanno ricevuto recensioni positive presso alcune delle più prestigiose riviste internazionali, e oggi gli valgono l’invito bolognese.

L’incontro, coordinato dai professori Francesco Raschi e Michele Chiaruzzi, entrambi storici delle dottrine politiche dell’Alma Mater, si svolgerà il prossimo martedì 16 aprile, dalle ore 17,00, nell’aula 3 TH.

È un onore e un piacere – dichiara Spartaco Pupo – constatare che le mie ricerche appassionate di tutti questi anni vengano apprezzate e valorizzate in un ateneo così prestigioso, dove lavorano colleghi dall’alto spessore accademico e culturale, che ringrazio per l’invito. Un motivo in più per proseguire serenamente il mio cammino di studioso libero e appassionato”.

Articoli Correlati