“Chiunque sia un uomo libero non può starsene a dormire” - Aristofane
HomeCalabriaCosenzaInchiesta Rende, Manna scrive al consiglio regionale Anci: al centro, intercettazioni e...

Inchiesta Rende, Manna scrive al consiglio regionale Anci: al centro, intercettazioni e malagiustizia

In occasione del consigli regionale Anci tenutosi ieri a Catanzaro, Marcello Manna ha voluto indirizzare una missiva ai suoi colleghi motivando la momentanea impossibilità a poter partecipare attraverso una serie di riflessioni su intercettazioni “a strascico” e rapporto tra malagiustizia e amministratori della cosa pubblica.

“Accade ormai troppo spesso che la vita amministrativa e politica di un Ente, quale è il Comune, sia temporaneamente interrotta per inchieste giudiziarie. E’ quello che sta accadendo alla amministrazione comunale di Rende, che ha ricevuto, per ben due volte, parziali provvedimenti interdittivi. La citata misura è stata applicata per il reato di turbata libertà degli incanti (previsto dall’art. 356 c.p.), relativa alla gara per l’aggiudicazione della gestione del Centro Minori. Devo precisare che la cooperativa “il Melograno” gestiva già prima del mio insediamento il Centro Minori. Le gare che si sono svolte hanno visto sempre e sola tale cooperativa partecipare. Si tratta evidentemente di un settore assolutamente non redditizio e per il quale sono richieste particolari figure specialistiche. La prima gara è andata deserta e alla gara successiva ha partecipato soltanto la cooperativa il Melograno. E’ ultroneo dire che mai sono intervenuto con chi si è occupato di predisporre la gara, nè direttamente nè indirettamente. Lo comprovano le infinite intercettazioni telefoniche e ambientali alle quali sono stato, insieme con dirigenti e amministratori, sottoposto” afferma Manna.

“Una metodologia quelle delle intercettazioni c.d. “a strascico”. Si ascolta tutto quello che si può ascoltare, qualcosa verrà fuori!! Una metodologia, quella degli inquirenti, che parte dalla individuazione dell’indagato, per poi trovare reati da contestare.
Una inchiesta che vede effettuare prima le intercettazioni e successivamente, e non come previsto dalla legge, la iscrizione a notizia di reato. Una inchiesta che vede richieste di proroghe di intercettzioni in “fotocopia” ed irregolarità procedurali che, a parere dei PM nel corso della udienza del Tribunale del Riesame, rappresenterebbero al più un illecito disciplinare. Come dire che le omissioni del nostro Paese se riguardano Sindaci o amministratori riguardano la materia penale, se fatta dagli inquirenti sarebbero eventualmente meri illeciti disciplinari. Contro tutto ciò personalmente combatterò con grande fermezza. Una particolarità delle inchieste cui sono stato sottoposto riguarderebbe la regolarità delle elezioni amministrative del 2019.” Prosegue Manna.

“Il Tribunale del Riesame di Catanzaro per ben due volte esclude tale teorema. A dire il vero lo esclude anche l’Autorità Giudiziaria di Salerno che ha effettuato, contro ogni regola sulla competenza territoriale, analoga inchiesta, pervenendo ancora una volta ad un nulla di fatto. Tre procedimenti ma, per come si vedrà, una sola matrice che utilizza separazioni di procedimenti e stralci. Il tema giustizia ed il rapporto tra inquirenti ed amministratori è tema di grande attualità. Lo avevamo segnalato al nostro presidente De Caro per l’assemblea annuale. L’Onorevole Meloni, Presidente del Consiglio, così come il Ministro di Giustizia Dott. Carlo Nordio, hanno affrontato tali temi nei loro interventi (legge Severino, abuso d’ufficio, reati contro la pubblica amministrazione, nonchè la modifica della legge sullo scioglimento dei Comuni). Tuttavia ritengo che solo una politica autorevole che può e deve provenire dai Sindaci e dagli amministratori, da coloro che affrontano quotidinamente le emergenze della nostra terra, possa incidere su questo percorso.
La difesa dei diritti Costituzionali, i presidi di democrazia e di libertà, possono essere tutelati attraverso una incisiva azione che proviene da tutti noi.
Sono certo che questo sarà un tema inclusivo e caratterizzante la politica di ANCI Calabria” conclude Marcello Manna.

Articoli Correlati