“La libertà non è che una possibilità di essere migliori, mentre la schiavitù è certezza di essere peggiori” - Albert Camus
HomeCalabriaCatanzaroLa consigliera regionale del Pd Amalia Bruni ai presidi della Cgil Area...

La consigliera regionale del Pd Amalia Bruni ai presidi della Cgil Area Vasta per la Sanità Pubblica: “Il presidente/commissario utilizzi meglio gli strumenti che ha a disposizione per migliorare il sistema sanitario calabrese”

“Ho partecipato ai presidi organizzati dalla Cgil Area Vasta a Lamezia Terme e Vibo, anche a nome del Comitato “La sanità che vogliamo”. La mobilitazione fornisce l’importante occasione di ribadire con fermezza la necessità di misure urgenti in difesa dei servizi sanitari pubblici, efficaci e adeguati alle esigenze dei cittadini calabresi”. È quanto afferma la consigliera regionale del Partito democratico, vice presidente della Commissione Sanità, Amalia Bruni.

“La sanità calabrese vive il momento peggiore della sua storia – afferma ancora Bruni -. Tutti gli indicatori lo confermano e ciò nonostante il commissario/presidente abbia a disposizione la possibilità di incidere con strumenti mai avuti prima. È inaccettabile che ormai da anni persistano mezzi e risorse che non si è in grado di utilizzare: concorsi accentrati con procedure regionali a tempo indeterminato, che consentono anche l’assunzione degli specializzandi; piano regionale per l’acquisto di nuove tecnologie; attuazione del PNRR; definizione del debito pregresso e approvazione dei bilanci. Troppi annunci e pochi fatti”

“Anche la rete ospedaliera modificata ben tre volte in otto mesi, dimostra l’assenza di una strategia, con il macigno di “Azienda zero”, o meglio azienda unica che a distanza di due anni e mezzo dà flebili segni di vita ma che assorbe, solo sulla carta, risorse apicali che vengono sottratte ai servizi sanitari su tutto il territorio regionale. Noi – conclude la consigliera Bruni – continueremo ad essere mobilitati in difesa della Sanità pubblica a sostegno dei servizi e quindi della tutela del diritto alla cura per tutti e per tutte”.

Articoli Correlati