“Chi rinuncia alla libertà per raggiungere la sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza” - Benjamin Franklin
HomeCalabriaSquillaci (FdI): "Auguro a Nesci di continuare il proficuo lavoro in Europa"

Squillaci (FdI): “Auguro a Nesci di continuare il proficuo lavoro in Europa”

“Fratelli d’Italia si conferma primo partito in Italia e in Calabria, trascinato da una straordinaria Giorgia Meloni, superando anche l’asticella delle precedenti elezioni politiche dopo due anni di governo durante i quali sono state fatte scelte anche difficili nell’interesse del Paese. Un risultato lusinghiero, che ci riempie di orgoglio e ci incoraggia per il futuro, è stato registrato anche nella Provincia di Reggio Calabria, dove Fratelli d’Italia è risultato il primo partito in diversi Comuni. La riconferma di Denis Nesci al Parlamento Europeo, inoltre, è un importante attestato di fiducia di un Sud che ha riconosciuto il suo prezioso lavoro”.

 

Con queste parole il Presidente provinciale di Fratelli d’Italia, Bruno Squillaci, esprime viva soddisfazione per la rielezione al Parlamento europeo di Denis Nesci con poco meno di 75 mila preferenze.

 

“Auguro all’On. Denis Nesci di continuare nel proficuo lavoro svolto fino ad oggi. In soli 18 mesi è riuscito a far diventare protagonista il nostro territorio con le sue battaglie a sostegno del comparto agricolo, della pesca e a sostegno del Porto di Gioia Tauro, per via della scellerata direttiva ETS, portando all’attenzione europea temi di particolare interesse per il nostro territorio, quali la centralità del Mediterraneo all’interno del programma di investimenti previsti dal Piano Mattei e la centralità della nuova agenda europea dei Conservatori. Un motivo di orgoglio quindi sapere che il territorio reggino sarà ancora rappresentato e difeso in Europa da chi ha già dimostrato competenza, serietà, impegno e capacità di ascolto. Dopo la prima storica elezione nel lontano 1984 del primo esponente di Reggio Calabria in Europa, Nino Tripodi, continua la tradizione di reggini impegnati nell’emiciclo di Strasburgo”.

Articoli Correlati