“È difficile dire la verità, perché ne esiste sì una sola, ma è viva e possiede pertanto un volto vivo e mutevole” - Franz Kafka
HomeCalabriaPonte sullo Stretto, la senatrice Minasi sulle dichiarazioni del geologo Tozzi: "Frasi...

Ponte sullo Stretto, la senatrice Minasi sulle dichiarazioni del geologo Tozzi: “Frasi di cattivo gusto che terrorizzano i cittadini e ragionamenti infantili, miopi e scollati dalla realtà. La notorietà gli ha preso la mano”

«Leggo le ultime dichiarazioni del sig. Mario Tozzi, geologo e conduttore Tv, sul Ponte sullo Stretto, e rabbrividisco di fronte alle sciocchezze che ha avuto l’ardire di pronunciare, facendo un’opera di disinformazione colossale e terrorizzando inutilmente e irresponsabilmente i cittadini.

Forse la sua notorietà gli ha preso la mano, senza farlo riflettere su quanto stava dicendo».

La Senatrice della Lega, Tilde Minasi, interviene a commento delle parole del geologo Tozzi, che critica pesantemente il Ponte sullo Stretto, definendolo “sciagura che va evitata in ogni modo”, che in caso di forte sisma unirebbe “due cimiteri” e “opera che non ha niente di pratico e niente di utile”.

«Parto da quanto Tozzi afferma circa l’utilità dell’opera», dice la Senatrice. «E’ evidente che parla dal suo pulpito dei salotti Tv o della comoda poltrona di casa sua o del suo ufficio, senza minimamente conoscere il territorio su cui il Ponte verrà realizzato. Mi viene da pensare che non sia nemmeno mai stato sullo Stretto o che ci sia stato solo per ragioni turistiche.

E’ chiaro che Tozzi – prosegue Minasi – non sa quali e quanti disagi affrontino quotidianamente non i turisti come lui, che una tantum scelgono di visitare Calabria e Sicilia, ma le migliaia di pendolari, costretti a spostarsi per portare un tozzo di pane a casa e che, ogni giorno, sono appesi agli orari del traghettamento o alle condizioni meteo del mare o, ancora, per chi deve attraversare in macchina, alle file di ore e ore che si formano agli imbarchi in determinati momenti dell’anno o, talvolta, della giornata.

E’, anzi, davvero sciocco e arrogante da parte sua fare ragionamenti così infantili, miopi e totalmente scollati dalla realtà, una realtà che, appunto, disconosce completamente.

Inoltre – continua Minasi – unire la Sicilia e il Sud Italia all’Europa non significa che “una persona di Berlino che volesse andare a Palermo in macchina va ricoverata”, come lui stupidamente dice, pensando forse di essere simpatico e ironico, ma significa creare un collegamento stabile, continuo e rapido innanzitutto per le merci, dando così un enorme impulso allo sviluppo di quei territori.

Per quanto riguarda, poi, la pericolosità sismica e quella orribile frase sui due “cimiteri” che, con enorme cattivo gusto, ha pensato bene di usare, abituato evidentemente a fare show in tv ed evidentemente ritenendo, in questo caso, di essere intelligentemente sarcastico, forse nasce dalla sua invidia per non essere stato consultato da fior di scienziati e geologi che da decenni studiano a fondo il territorio e hanno confermato la fattibilità dell’opera?

Certamente ritengo che qualunque professionista e studioso responsabile e competente non si sarebbe mai pronunciato, e con toni così violenti, senza conoscere in dettaglio dati, calcoli, rilievi effettuati. Chi quei dati li conosce e ha effettuato rilievi e calcoli, ha concluso che l’opera può essere costruita e l’ha progettata. A dispetto del geologo televisivo Mario Tozzi.

Perché dovremmo fidarci di lui e non di chi se n’è occupato, con studi approfonditi, in prima persona?

Il fatto di essere geologo e ricercatore al Cnr – dice ancora Minasi – non lo autorizza automaticamente a esprimersi con affermazioni così tranchant, che, come dicevo, hanno l’unico effetto di terrorizzare la gente, dimostrando inoltre una superficialità di approccio che poche volte ho riscontrato perfino nei più accaniti detrattori dell’opera.

Mario Tozzi, dunque – conclude la Senatrice – si dedichi a fare il conduttore TV più che lo scienziato, e magari cambi anche genere televisivo, scelga l’intrattenimento leggero, lasciando ad altri la divulgazione scientifica, che è cosa molto molto seria».

Articoli Correlati