“Pane e coraggio ci vogliono ancora che questo mondo non è cambiato, pane e coraggio ci vogliono ancora sembra che il tempo non sia passato” - Ivano Fossati
HomeCalabriaStrage di Cutro, il procuratore Capoccia: "Andremo fino in fondo, presto ci...

Strage di Cutro, il procuratore Capoccia: “Andremo fino in fondo, presto ci saranno novità”

“Non ho archiviato, ho promesso che saremmo andati fino in fondo nell’accertamento di eventuali responsabilità e lo stiamo facendo. Il fascicolo è ancora contro ignoti ma presto ci saranno novità”. A dirlo, scrive oggi Repubblica, è stato il procuratore di Crotone Giuseppe Capoccia in relazione all’indagine, al momento contro ignoti, aperta per accertare eventuali lacune nella catena dei soccorsi, in occasione del naufragio del caicco carico di migranti avvenuto il 26 febbraio scorso ad un centinaio di metri dalla costa a Steccato di Cutro. L’incidente ha provocato 94 vittime accertate mentre i superstiti sono stati 79 ed una decina dovrebbero essere ancora i dispersi.

Le parole di Capoccia, scrive il giornale, “lasciano intendere che dalle relazioni di servizio di Guardia costiera, Guardia di finanza e carabinieri di quella notte, nella documentazione di Frontex e dalle dichiarazioni dei testimoni sono emersi elementi per consentire l’accertamento di responsabilità per i soccorsi mai avviati a mare e ritardati a terra”.

L’indagine mira ad accertare come si svolsero, sul fronte dei soccorsi, gli interventi messi in atto dopo l’avvistamento del barcone da parte di un aereo Frontex la sera prima della tragedia e perché non fu dichiarato un evento Sar di ricerca e soccorso, trattando invece l’avvistamento come un’operazione di polizia. Intanto, i legali di alcuni familiari delle vittime, scrive ancora Repubblica, hanno deciso di rivolgersi alla Corte europea dei diritti dell’uomo per chiedere la condanna del governo italiano.

Articoli Correlati