“L'arte di non sapere, che non dev'essere confusa con l'ignoranza, perchè gli ignoranti non sono responsabili della loro triste condizione, nasce da un'idea autolatra ed egocentrica del mondo e della società” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaLegambiente e le rinnovabili: "Calabria è esempio virtuoso, altre Regioni remano contro...

Legambiente e le rinnovabili: “Calabria è esempio virtuoso, altre Regioni remano contro la transizione energetica”

E’ nelle Regioni che i progetti di nuove fonti rinnovabili si arenano in Italia. Nel 2022 gli enti locali maggiori hanno autorizzato appena l’1% dei progetti di centrali solari, e lo 0% di quelli di centrali eoliche. E’ la denuncia che ha lanciato Legambiente alla fiera di Rimini della transizione energetica, K.EY, con un rapporto dal titolo eloquente, “Scacco matto alle rinnovabili”.

L’associazione ambientalista spiega che il governo Draghi e quello Meloni nell’ultimo anno hanno semplificato le procedure ministeriali, e che i Consigli dei ministri hanno sbloccato molti impianti. Da 0,8 Gigawatt di nuova potenza autorizzata dallo Stato nel 2021, nel 2022 si è passati a 3 Gw. Tuttavia, l’iter dei progetti si è di nuovo arenato nelle Regioni e nei Comuni.

Pesano le norme poco chiare e la burocrazia farraginosa, ma anche l’opposizione preconcetta di comunità ed amministratori locali: le cosiddette sindromi Nimby (Not in my backyard, non nel mio giardino) e Nimto (Not in my term of office, non nel mio mandato). Nel 2019 aveva ricevuto l’autorizzazione regionale il 41% dei progetti: poi si è scesi al 19% nel 2020, al 9% nel 2021 e all’1% l’anno scorso. Ancor peggio i dati dell’eolico, con una percentuale di autorizzazioni rilasciate dalle Regioni nel 2019 del 6%, del 4% nel 2020, dell’1% nel 2021, fino allo 0% nel 2022. Eppure, negli ultimi anni sono aumentati sia i progetti presentati, sia le richieste di connessione alla rete elettrica di fonti rinnovabili: queste sono passate da 168 Gw al 31 dicembre 2021 ad oltre 303 Gw al 31 gennaio 2023.

Per sbloccare la situazione, Legambiente propone l’aggiornamento delle Linee Guida per l’autorizzazione dei nuovi impianti, ferme al 2010, e un Testo Unico che semplifichi gli iter di autorizzazione degli impianti, definisca in modo univoco ruoli e competenze dei vari organi dello Stato, dia tempi certi alle procedure. Centrale per la ong resta il dibattito pubblico sui progetti.

“Al Governo Meloni torniamo a ribadire che il Paese non deve diventare l’hub del gas, ma quello delle rinnovabili – ha commentato il presidente di Legambiente, Stefano Ciafani -. Se davvero si vuole contrastare la crisi climatica, accelerare la transizione ecologica e centrare gli obiettivi di decarbonizzazione indicati dall’Europa, l’Italia deve puntare con fermezza su rinnovabili, efficienza, autoproduzione, reti elettriche e accumuli”.

Il rapporto spiega che il 76% dei progetti in attesa di autorizzazione statale sono concentrati in Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna. Ed è qui che si concentrano le opposizioni maggiori.

Esempi virtuosi invece sono Campania e Calabria, che hanno semplificato le procedure.

Le rinnovabili in Italia rimangono comunque un settore economico in espansione. Uno studio della Fondazione Symbola, presentato a Rimini a K.EY, ha censito 21.378 imprese, concentrate per metà in Lombardia, Lazio, Veneto, Campania ed Emilia Romagna. In Lazio, Enel Green Power ha annunciato l’avvio del cantiere per il parco solare più grande d’Italia, a Tarquinia (Viterbo).

Articoli Correlati