“Chi rinuncia alla libertà per raggiungere la sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza” - Benjamin Franklin
HomeCalabriaGiornata Mondiale dell'Acqua, Molinaro (Lega): "In Calabria possiamo arrivare ad invasare oltre...

Giornata Mondiale dell’Acqua, Molinaro (Lega): “In Calabria possiamo arrivare ad invasare oltre il 35% dell’acqua piovana per sostenere il cibo made in Italy”

“Oggi è la Giornata Mondiale dell’Acqua. Partiamo da alcuni dati oggettivi. In Calabria, una regione ricca d’acqua, invasiamo attraverso le infrastrutture esistenti,  circa il 20% dell’acqua piovana, al di sopra quindi dell’11% che è la media nazionale. Possiamo tranquillamente arrivare ad invasare oltre il 35% dell’acqua. Ne abbiamo la capacità e le possibilità. Con lungimiranza, possiamo agire su più fronti. Innanzitutto focalizzare l’attenzione sul completamento delle  infrastrutture idriche definite “incompiute” Ne cito tre: la diga dell’Esaro (CS), quella del Melito (CZ) e del Metramo (RC). Tre dighe con storie e vicende diverse che devono ritornare al centro della strategia. Questo un primo step, poi naturalmente i piccoli invasi, il risparmio idrico nei comportamenti individuali e delle comunità e i nuovi sistemi di irrigazione con l’agricoltura di precisione che consentono un rilevante abbattimento dei consumi e l’utilizzo delle acque reflue.  Sul tema acqua, come è nelle intenzioni della “cabina di regia” a livello nazionale,va fatto uno sforzo comune per affrontarlo in maniera complessiva facendo anche sintesi fra interessi diversi. Il contributo che l’agricoltura calabrese può dare alla filiera del cibo 100% italiano  è rilevante”. Lo afferma in una nota il consigliere regionale Pietro Molinaro, della Lega.

“In Calabria, c’è ancora molta e troppa superficie non irrigabile. Alla luce di questo dobbiamo evitare che questa risorsa continui ad essere  patrimonio delle multinazionali che in Calabria lasciano solo le briciole! L’acqua – conclude Molinaro – è elemento fondamentale anche in termini sociali come misura di contrasto alla desertificazione, allo spopolamento e quindi alla crisi demografica”.

Articoli Correlati