“Chiunque sia un uomo libero non può starsene a dormire” - Aristofane
HomeCalabriaGiancarlo Pittelli torna libero, l'associazione "Riforma Giustizia": "Nostra battaglia è stata giusta"

Giancarlo Pittelli torna libero, l’associazione “Riforma Giustizia”: “Nostra battaglia è stata giusta”

“Dal 19 dicembre 2019 ad oggi il noto penalista e politico calabrese Giancarlo Pittelli ha vissuto una condizione indegna di uno stato di diritto: privato della libertà personale, costretto per lunghi periodi anche alla detenzione in carceri speciali, sottoposto alla pubblica gogna e additato per anni come esponente di spicco della cosiddetta ‘massomafia’”. Lo afferma, in una nota, l’associazione “Riforma Giustizia”, ex “Comitato per Pittelli”, in una nota a firma del presidente, Enrico Seta, del segretario, Enza Bruno Bossio, e del portavoce, Umberto Baccolo.

“Già a gennaio, dopo oltre tre anni – prosegue la nota – era emerso che gli indizi di concorso esterno in associazione mafiosa, raccolti dagli inquirenti nell’indagine Rinascita Sott, erano labili e insufficienti per mantenere Pittelli in custodia cautelare. Oggi anche i giudici del riesame del processo ‘Mala Pigna’ accolgono l’istanza degli avvocati difensori.

Lo Stato si ricorda dopo tre anni di Giancarlo Pittelli e gli restituisce la condizione di uomo libero, secondo giustizia e secondo i principi della Costituzione italiana. Esprimiamo la soddisfazione e la gioia di tutti coloro che hanno creduto sin dall’inizio in una battaglia civile di verità”.

“Rimane una forte amarezza – dice ancora l’associazione “Riforma Giustizia” – per la lunga sospensione del principio costituzionale di presunzione di innocenza e per la ridicolizzazione che tale principio ha subito agli occhi di una cittadinanza sempre più perplessa e allarmata”.

Articoli Correlati