“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaSi chiude il Professional Day 2024 alla Mediterranea di Reggio Calabria

Si chiude il Professional Day 2024 alla Mediterranea di Reggio Calabria

Il sipario si chiude sulla due giorni professionale più attesa dell’anno, e l’eco degli incontri e delle opportunità continua a risuonare tra i partecipanti.

Il Professional Day 2024, un evento imperdibile per aziende e talenti in cerca di nuove sfide e collaborazioni, voluto da Università Mediterranea di Reggio Calabria, Camera di Commercio e organizzato da Cisme, si è concluso con successo, lasciando dietro di sé un ricco bagaglio di esperienze e connessioni.

“Quella che si conclude oggi è la 12 edizione del Professional Day che con grande piacere, – afferma Giuseppe Zimbalatti Rettore dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria- abbiamo ospitata nei locali del nostro Ateneo. Anche in questa edizione vorrei mettere in evidenza la presenza di quasi sessanta aziende, e centinaia di colloqui di lavoro effettuati sia con aziende del territorio che nazionali e internazionali. L’Università Mediterranea, anche in questa edizione, ha voluto dare un sostegno ai giovani del nostro territorio. I dati sull’occupazione dei nostri laureati sono in linea con gli standard delle migliori università italiane, ed oggi siamo davvero orgogliosi dell’ottima riuscita di questo evento”. 

Soddisfazione viene espresse anche dal presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria Antonino Tramontana: “Il Professional day ha fatto registrare grande partecipazione ed interesse da parte delle nostre imprese alla ricerca di personale da assumere e grande affluenza di giovani in cerca di occupazione. La stretta sinergia della Camera di Commercio di Reggio Calabria con l’Università Mediterranea e gli enti per promuovere efficaci politiche attive del lavoro ha l’obiettivo di ridurre il tasso di disoccupazione giovanile”.

Energia positiva, dunque, è l’atmosfera che si è respirata nei locali di Ingegneria che ha permeato ogni angolo dell’evento, con aziende di spicco e candidati di talento che si sono riuniti per un incontro diretto e fruttuoso. 

L’obiettivo principale era chiaro sin dall’inizio: creare un ponte tra domanda e offerta nel mondo del lavoro, offrendo un ambiente stimolante e dinamico in cui incontrarsi. E i risultati sono andati ben oltre le aspettative: si è passati da 53 aziende annunciate durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento a 58 aziende presenti con i loro stand e materiale espositivo, per quasi duecento posizioni lavorative offerte. Una richiesta di partecipazione che è arrivata in extremis testimoniando così il grande interesse che c’è per questo evento unico nel territorio Reggino.

Tra i momenti salienti della due giorni, spiccano gli incontri ravvicinati con le aziende leader nei rispettivi settori. I rappresentanti aziendali hanno avuto l’opportunità di presentare le proprie attività, le culture aziendali e le opportunità di carriera disponibili, mentre i candidati hanno potuto esporre le proprie competenze e ambizioni professionali.

Ma non si è trattato solo di colloqui formali. Il Professional Day ha offerto anche workshop interattivi, sessioni di networking strutturate e spazi dedicati alla formazione e allo sviluppo personale e professionale. I partecipanti hanno potuto affinare le proprie abilità, scoprire nuove prospettive e condividere conoscenze con colleghi e esperti del settore.

Nell’aula magna di Ingegneria, infatti, si è svolto un interessante corso su “Business e Benessere sostenibile”:  il coach Michelangelo Marino CEO di “Io Cambio Rotta srls”, facendo divertire i partecipanti, ha parlato dei quattro pilastri del business sostenibile e la scienza della felicità al servizio del lavoro.

Ad affiancare il team del Pday c’è stato anche quest’anno lo staff di studentesse e studenti dell’UniRc e delle scuole superiori reggine per dare supporto alle attività dei settori Orientamento e Job Placement della Mediterranea.

Il vero cuore pulsante dell’evento è stato il fervore palpabile che ha permeato ogni interazione. Dall’entusiasmo dei candidati desiderosi di cogliere nuove opportunità alla determinazione delle aziende nel trovare i migliori talenti, l’energia positiva ha alimentato un clima di collaborazione e crescita reciproca.

Ora, mentre i partecipanti tornano alle proprie attività quotidiane, portano con sé non solo cartelle piene di curriculum e biglietti da visita, ma anche la consapevolezza di aver fatto parte di qualcosa di più grande: un momento di connessione autentica e di speranza per un futuro professionale brillante.

Il Professional Day potrebbe essere finito, ma il suo impatto si farà sentire a lungo. Le relazioni consolidate e le prospettive aperte durante l’evento continueranno a dare frutti nel corso delle prossime settimane e mesi, alimentando il motore dell’innovazione e dell’eccellenza nel mondo del lavoro.

In conclusione, il “Professional Day – ha detto il presidente di Cisme Mario Carbone – si conferma ancora una volta come un catalizzatore di opportunità e successo per aziende e candidati, dimostrando che quando si uniscono forze e talenti, il futuro del lavoro è luminoso e promettente, così come è stato per l’organizzazione della due giorni e per cui intendo ringraziare tutto lo staff di Cisme , società cooperativa, per il lavoro svolto. Inoltre un ringraziamento particolare alla dottoressa Marina Crea della Camera di Commercio e la dottoressa Anna De Angelis del Job Placement della Mediterranea”.

Articoli Correlati