“Ti accorgerai com'è facile farsi un inutile software di scienza e vedrai che confuso problema è adoprare la propria esperienza” - Francesco Guccini, Culodritto
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaAbusivismo e concorrenza sleale: incontro della categoria parrucchieri ed estetisti Casartigiani di...

Abusivismo e concorrenza sleale: incontro della categoria parrucchieri ed estetisti Casartigiani di Reggio Calabria

Il 27.11.23 presso la sede di CASARTIGIANI di Reggio Calabria si è tenuto un importante incontro che ha coinvolto la categoria Parrucchieri ed Estetisti, alla presenza del presidente di CASARTIGIANI, dr. Misitano Giovanni, del presidente del G.A.R. (Gruppo Acconciatori Reggini) Cacurri Antonio, e degli acconciatori Cilione Domenico, Crea Daniela, Gurnari Pasquale e Praticò Natale.

L’incontro è stata l’occasione per recepire le preoccupazioni e i timori della categoria derivanti dal fenomeno sempre più dilagante dell’abusivismo e della concorrenza sleale nel settore dell’acconciatura e dell’estetica.

La crescente presenza di soggetti che operano illegittimamente senza rispettare le normative e in spregio delle leggi di natura amministrativa, fiscale, di sicurezza, infatti, costituisce ormai una vera piaga del comparto, con evidenti e gravissimi danni, economici e non, per le imprese operanti nel settore.

Evidenti altresì sono i danni per l’intera collettività (si pensi ai danni alla salute dei consumatori a causa dell’utilizzo di prodotti scadenti e della mancanza di preparazione professionale degli operatori).

Particolare preoccupazione desta il problema dell’esercizio abusivo dell’attività esercitata all’interno dei presidi ospedalieri stante la condizione di fragilità dei pazienti e quindi i maggiori rischi scaturenti dal mancato rispetto delle norme igienico-sanitarie (sterilizzazione degli strumenti, igiene degli operatori, utilizzo di cosmetici e apparecchiature conformi).

Si tratta quindi di un danno economico ingente arrecato alle aziende regolari, ma anche alla comunità in termini di “costi sociali”. Non si potrà infatti non considerare l’ammontare delle tasse non pagate, dei contributi non versati e l’impatto che questo ha sui servizi sociali, di cui magari l’abusivo stesso usufruisce perché risulta di fatto disoccupato.

All’esito dell’incontro pertanto le parti hanno posto le basi per un’azione fattiva – ormai non più procrastinabile – finalizzata a contrastare l’anzidetto fenomeno attraverso specifici interventi, da adottare di concerto con le Istituzioni e gli Enti preposti al rispetto della normativa di settore, diretti, da un lato, a denunciare a livello istituzionale il crescente problema dell’abusivismo e sensibilizzare i cittadini, mediante campagne di informazione ad hoc, sui rischi derivanti dal ricorrere all’utilizzo di servizi e prodotti non regolari e, dall’altro, a combattere concretamente il fenomeno, sollecitando i controlli da parte degli Organi di vigilanza preposti e predisponendo azioni coordinate con la Prefettura e le componenti istituzionali e associative per contrastare sul campo l’illegalità. A tal proposito, si è stabilito la creazione presso gli uffici della CASARTIGIANI di Reggio Calabria di un punto raccolta
segnalazioni e denunce riguardo ad attività irregolari o abusive, che saranno poi trasmesse alle competenti Autorità (Polizia, Carabinieri, Polizia Municipale, ASL, Guardia di Finanza, Ufficio del Lavoro – Ispettorato del Lavoro) per l’esecuzione dei dovuti controlli e accertamenti e la conseguente attività repressiva e sanzionatoria.

Articoli Correlati