“Sai cosa si fa quando non se ne può più? Si cambia” - Alberto Moravia
HomeAgoràAgorà CosenzaProseguono le iniziative di "Teatro dell'Anima" nelle città di Reggio e nel...

Proseguono le iniziative di “Teatro dell’Anima” nelle città di Reggio e nel borgo di Cleto

Proseguono le iniziative del progetto culturale e artistico “Teatro dell’Anima. Le vie dell’Arte, le vie dello Spirito” partito lo scorso luglio nella città di Reggio Calabria. Il progetto ideato e promosso dall’Associazione culturale arte e spettacolo “Calabria dietro le quinte – APS” e finanziato dall’8 per mille della chiesa Valdese prevede nelle prossime settimane diverse iniziative a carattere culturale, artistico e teatrale finalizzate a far conoscere e valorizzare l’importante patrimonio architettonico, pittorico e culturale calabrese.

La sezione artistica è indirizzata alla produzione e alla costruzione dei tableaux vivants, rappresentazioni sceniche, dove l’arte pittorica e l’arte teatrale si sovrappongono per generare un’esperienza mistica e sensoriale. Il primo spettacolo sarà rappresentato il 2 aprile presso la Chiesa della Consolazione di Cleto, alle ore 18.00 con gli attori della compagnia teatrale BA17 e la regia di Angelica Artemisia Pedatella. Nell’antica Chiesa dalla svettante cupola bizantina, nel cuore di uno dei borghi più caratteristici e misteriosi della Calabria le opere pittoriche di grandi artisti calabresi da Mattia Preti ai maestri del Novecento prendono vita tra musica e voci per descrivere il percorso dello spirito, dal dolore estremo alla rinascita. Le straordinarie voci del tenore Ivan Stringelli, della soprano Giuliana Tenuta e della mezzosoprano Fausta Toscano, accompagnate dalla fisarmonica di Daniel Melaragno, insieme alle voci della stessa Pedatella e di Kristal Berlingieri, creano una dimensione sonora onirica ai movimenti scenici dei danzatori Giada Guzzo e Raphael Burgo, a cui è affidata la realizzazione dei quadri viventi. La suggestione delle immagini si fa plastica e si racconta da sé, mentre musica e parole scavano davvero nell’anima, attraverso le parole della fede, tra Bibbia e Vangelo, per scandagliare il mistero del rapporto tra l’uomo e Dio. L’ingresso allo spettacolo è gratuito.

A Reggio Calabria, nell’ambito delle iniziative di ricerca e divulgazione si terranno due appuntamenti il prossimo 6 e 7 aprile. Il primo evento dal titolo “Il Mistero Pasquale. Tra fede e arti” si terrà presso la biblioteca comunale “Pietro De Nava” alle ore 16,30. L’evento realizzato in sinergia con l’Associazione Anassilaos, l’associazione Italiana Parchi Culturali e il partenariato dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Reggio Calabria, prevede l’inaugurazione della mostra “Passio et Resurrectio Domini Nostri Iesu Christi”

nell’arte figurativa e nella filatelia, a cura di Anassilaos e della Biblioteca Comunale. A seguire si svolgerà la relazione con supporto video “Passione e resurrezione di Cristo nell’arte” con l’esperto d’Arte Salvatore Timpano – direttore del dipartimento Arte e Patrimonio culturale dell’AIParC. Interverranno, inoltre: Stefano Ioffrida presidente “Ass. Anassilaos”, Irene Tripodi presidente “A.I.PA.RC”, il presidente di “Calabria dietro le quinte” Giuseppe Mazzacuva, la responsabile della biblioteca comunale Arch. Daniela Neri e l’assessore comunale alla cultura Irene Calabrò.

Venerdì 7 aprile alle ore 16,00 presso la pinacoteca civica è prevista una speciale visita guidata “le vie dell’arte, le vie dello spirito” per scoprire l’affascinante patrimonio pittorico conservato nella stessa attraverso le spiegazioni del personale comunale. La visita sarà intervallata ed impreziosita dagli intensi reading teatrali dell’attore reggino Dario Zema accompagnato dal violino del musicista reggino Paolo De Benedetto.

Sul piano educativo e sociale, al fine di stimolare la creatività e la sensibilità dei giovani, a partire da aprile, sono previsti dei laboratori artistici sui “tableaux vivants” rivolti agli studenti del Liceo Artistico “Preti-Frangipane”, partner del progetto; e come strumento di coinvolgimento e inserimento sociale i laboratori saranno indirizzati anche a giovani immigrati presenti nelle strutture di accoglienza gestite dall’Associazione Coopisa presso il comune di Sant’Alessio.

Articoli Correlati