“Credo che non ci sia sogno più bello di un mondo dove il pilastro fondamentale dell'esistenza è la fratellanza, dove i rapporti umani sono basati sulla solidarietà, un mondo in cui siamo tutti d'accordo solla necessità della giustizia sociale e ci comportiamo di conseguenza” - Luis Sepúlveda
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaUniRC, il Coro Polifonico della "Mediterranea" ad Urbino Unincanto 2022

UniRC, il Coro Polifonico della “Mediterranea” ad Urbino Unincanto 2022

Nella meravigliosa cornice del borgo rinascimentale di Urbino è andata in scena, nel mese di  maggio, l’ VIII edizione della prestigiosa competizione canora “UNInCANTO 2022“, manifestazione organizzata dal Coro 1506 dell’Università “Carlo Bo” di Urbino, a cui prendono parte i Cori delle Università italiane.

Quest’anno sono state rappresentate musicalmente le Università di Firenze, Udine, Modena e Reggio Emilia, “Federico II” di Napoli, Basilicata, “Mediterranea” di Reggio Calabria e “Carlo Bo” di Urbino.

“La Natura… Musica per le nostre orecchie” è stato il filo conduttore di tutta la manifestazione; infatti i Cori hanno proposto repertori concentrati sull’interpretazione musicale della Natura, dalla sua descrizione poetica in forma musicale fino alla riproposizione canora di suoni e suggestioni naturali.

Oltre ai concerti itineranti, eseguiti in luoghi molto suggestivi del borgo, si è svolta la tradizionale “competizione” canora intitolata “FELUCA d’oro”, vinta lo scorso anno dal Coro Polifonico “Mediterranea” che l’ha consegnata al vincitore di questa edizione: il Coro Universitario di Firenze, diretto dal M° Patrizio Paoli e presieduto dal reggino Ninì Cutroneo, ex allievo del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” e cantore del Coro “Be free”.

Di grande pregio la prestazione della “Mediterranea”; il Coro, diretto dal M° Carmen Cantarella, si è esibito in posti caratteristici quali la Piazza Duca Federico, il Largo S. Crescentino ed il Cortile di Collegio Raffaello, eseguendo un repertorio vario che spaziava dalla musica rinascimentale a quella contemporanea, dalla musica popolare a quella leggera, coinvolgendo il pubblico e riscuotendo così numerosi consensi ed apprezzamenti.

Estremamente significativo è stato il momento finale in cui tutti i Cori, prima di salutarsi e darsi appuntamento al prossimo anno, hanno cantato insieme l’Inno Universitario “Gaudeamu Igitur” ed il brano “Earth song” di F. Ticheli sapientemente guidati dal M° Augusta Sammarini, direttore del Coro 1506.

 

Articoli Correlati