“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeAgoràAgorà CosenzaA Rende gli infermieri Opi parlano di "Medicina Narrativa nei percorsi clinici...

A Rende gli infermieri Opi parlano di “Medicina Narrativa nei percorsi clinici e terapeutici”

Sabato 20 aprile, dalle 9 in poi, gli infermieri Opi di Cosenza, discuteranno di una delle tematiche più attuali del momento. “La Medicina Narrativa nei percorsi clinici e terapeutici”, questo il titolo del convegno che avrà luogo a Rende, all’hotel San Francesco.
“La Medicina Narrativa è un metodo clinico-assistenziale basato su una specifica competenza comunicativa. La narrazione è lo strumento fondamentale per acquisire, comprendere e integrare i diversi punti di vista di quanti intervengono nella malattia e nel processo di cura. Narrare e raccontare le storie di malattia, serve a comunicare in maniera adeguata i vissuti emotivi in relazione alla malattia e diventa per la persona malata un fattore di trattamento terapeutico”, si legge nella presentazione dell’evento.
Responsabili Scientifici sono la Dott.ssa Angela Greco e la dott.ssa Divina Maida.
“L’articolo quattro del nostro codice deontologico dice che il tempo di relazione è tempo di cura dando un significato enorme alla narrazione ed al vissuto della persona ed è comunque esemplificativo rispetto a ciò di cui discuteremo”, spiega il presidente dell’Opi, Fausto Sposato. Altro elemento cardine è l’empatia su cui si basa l’orientamento dei pazienti ed anche degli operatori, che contribuisce a stabilire una connessione profonda ed un legame più intenso per poi trasmettere tutte le relative informazioni al sistema terapeutico”‘, anticipa Sposato. “I pazienti vengono a tenere un diario, a scrivere quella che è la propria esperienza. Uno strumento fondamentale- per gli infermieri Opi- per acquisire, comprendere e integrare i diversi punti di vista di tutti quelli che intervengono nella malattia e nel processo di cura. Una visione più completa, orientata al paziente, con tanti altri progetti che rientrano, tutti, nella medicina narrativa”.
Sostanzialmente, dunque, il percorso di narrazione punta a personalizzare quello che è un percorso terapeutico e di cura della persona e si integra anche con l’intelligenza artificiale diventando medicina narrativa digitale creando elenchi di stimoli narrativi. Aggiungendosi anche alla telemedicina degli ultimi anni. “Tutto ciò- è la chiosa del presidente- per far sentire parte integrante e parte attiva di un sistema queste persone”.
Articoli Correlati