“La falsità è la verità degli altri” - Oscar Wilde
HomeAgoràAgorà CatanzaroRiforma della Disabilità: anche a Catanzaro la sperimentazione del "Progetto di vita"

Riforma della Disabilità: anche a Catanzaro la sperimentazione del “Progetto di vita”

Anche la provincia di Catanzaro farà parte delle nove province italiane nelle quali si avvierà a partire dal 2025 la sperimentazione del nuovo sistema previsto dal decreto varato ad aprile 2024 che definisce la condizione di disabilità, introduce l’accomodamento ragionevole, semplifica le procedure di accertamento e la valutazione per l’elaborazione e l’attuazione del “Progetto di vita” individuale e personalizzato. Già quest’anno partirà una formazione intensa e capillare tra Enti e categorie per l’adozione di questo nuovo modello e nel corso della sperimentazione verrà monitorato in modo costante tutto il percorso.

“E’ un altro passo importante verso l’innovazione nella presa in carico delle persone con disabilità – spiega l’eurodeputata di Fratelli d’Italia Chiara Gemma, ricandidata nella Circoscrizione Sud -. Questa è la straordinaria opportunità che le persone con disabilità, le famiglie ed il nostro Paese attendevano da sempre ed è molto significativo che anche una provincia del Sud come Catanzaro, oltre a quella di Salerno, siano state scelte per la sperimentazione.

Sono certa che grazie a questa riforma si arriverà rapidamente al superamento della frammentazione tra sanità e sociale e si andrà verso procedure snelle e concrete.

Si tratta di modifiche innovative che il Sud in particolare e tutti noi stavamo aspettando da anni, che semplificano il sistema di accertamento dell’invalidità civile, eliminando le visite di rivedibilità e introducono il “Progetto di vita”, come strumento di accompagnamento nella vita delle persone.

È finalmente una rivoluzione culturale e civile, – sottolinea Gemma – che sviluppa un nuovo paradigma nella presa in carico della persona con disabilità, eliminando la segmentazione tra le prestazioni sanitarie, socio sanitarie e sociali.

Iniziamo a ribaltare la prospettiva e a parlare non più solo di assistenzialismo ma di valorizzazione delle persone, semplifichiamo e sburocratizziamo gli iter e soprattutto partiamo dai desideri e dalle scelte di ogni persona, come previsto dalla Convenzione Onu, per arrivare a un percorso di vita dignitoso per ogni persona.

Per questa ragione, la nuova visione che proponiamo – conclude l’europarlamentare di Fratelli d’Italia – punta alla modifica di tutte le leggi ordinarie per rimuovere i termini “handicappato” e “portatore di handicap” e restituire dignità e centralità alla “Persona con disabilità”.

Articoli Correlati