“Persino il più lieve bisbiglio può essere sentito al di sopra degli eserciti, quando dice la verità” - Dal film The Interpreter
HomeAgoràAgorà CatanzaroLe Delegazioni Calabresi della Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati di...

Le Delegazioni Calabresi della Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati di Crotone – Catanzaro – Vibo Valenzia– Reggio Calabria in processione alla Naca a Catanzaro

Il giorno del Venerdi Santo – si celebra a Catanzaro A Naca (parola dialettale che significa “la culla”, dal greco nachè), una festa religiosa che risale al 1600.

La Naca è la culla in cui viene deposta la statua di Gesù morto.  È una struttura imponente decorata con damaschi, seta e fiori, dentro 4 angeli in cartapesta con i simboli della passione.

Ad aprire il corteo, l’arcivescovo di Catanzaro-Squillace, monsignor Claudio Maniago, ha guidato i fedeli nella liturgia della parola, nell’adorazione della santa croce e nella santa comunione

La Naca, viene  portata per tradizione a spalla dai Vigili del Fuoco, per le strade di Catanzaro ed é preceduta  dagli stendardi delle Confraternite della città (dei Santi Giovanni Battista ed Evangelista, dell’Immacolata del Carmine e del Rosario, tra  cui la Delegazione Calabrese dei Cavalieri Crociati Assisi- Malta-Terra Santa- Serra San Bruno, composta dal Gran Priore della Calabria Roberto Fabiano; dal Gran Priore di Crotone  Cav. Vincenzo Costa; dal Gran Priore di Reggio Calabria  Cav. Mariano Chidichimo e dal Gran Priore di Vibo Valentia, oltre a numerosi Cavalieri e dame della Calabria intervenuti per l’occasione,  ed è seguita dalle croci penitenziali.

La Culla invece è seguita dalla Madonna Addolorata, con il cuore trafitto da 7 spade, che simboleggiano i 7 dolori di Maria.

Articoli Correlati