“Pane e coraggio ci vogliono ancora che questo mondo non è cambiato, pane e coraggio ci vogliono ancora sembra che il tempo non sia passato” - Ivano Fossati
HomeAgoràAgorà Catanzaro"Il Mondo al Contrario": successo del banchetto informativo a Catanzaro

“Il Mondo al Contrario”: successo del banchetto informativo a Catanzaro

Si è svolto con successo il primo banchetto informativo sul Comitato “Il Mondo al Contrario” domenica 3 marzo 2024 sul Lungomare di Catanzaro Lido (CZ).

L’evento, organizzato dal Coordinamento Sud Italia e Calabria del Comitato, ha suscitato curiosità e particolare interesse nelle numerose persone che si sono avvicinate ed alle quali è stato distribuito materiale informativo, mentre quelle che hanno effettuato il tesseramento sono state omaggiate di una copia del libro di Roberto Vannacci.

 

Numerosi sono stati altresì coloro che, in veste di appartenenti a movimenti e associazioni culturali, si sono soffermati per salutare gli organizzatori ed esprimere la loro vicinanza ideale al Comitato.

Nel corso dell’evento, gli organizzatori e militanti del Comitato, con in mano il libro “Il Mondo al Contrario”, hanno alzato uno striscione con su scritto: “..ed ora indagateci tutti!!!”.

 

È stato un modo – dicono i responsabili Vittorio Gigliotti, Bruno Spatara, Adolfo Procopi, Marco Cristiano, Francesco Materazzoper sottolineare la nostra vicinanza e solidarietà nei confronti di Roberto Vannacci sottoposto ad una serie di azioni giudiziarie che hanno il sapore di una vera e propria persecuzione.

Colpendo lui, con ridicole accuse, si sta cercando di mettere il bavaglio a chi ha una diversa concezione del mondo e della vita che trova il suo punto fermo nella tradizione, nella cultura e nella storia del nostro Paese.

Quanto sta accadendo al Generale Vannacci, per aver osato ribadire nel suo libro concetti di puro buonsenso che mai possono essere interpretati in modo “omofobo e razzista” da chi conosce la lingua italiana, sono semplicemente ridicole.

La paura che hanno di questo “Uomo” le lobby di potere ed i “politicanti” ad esse legati dimostra come ci vuole sempre qualcuno da odiare per sentirsi giustificati nella loro miseria”.

Articoli Correlati